Archivio per settembre, 2012

JUST US

Pubblicato: settembre 29, 2012 in behaviour
Tag:, ,

A few days ago, better a few nights ago I had a question crossing my mind:why are we humans so prone to punishment rather than reinforcement? Why is our first instinct to stop unwelcome behavior rather than reinforcing the ones we like? We are not ready to deliver a nice biscuit to our dog who is well-behaving as we are ready to get angry if she bites our shoes. Let’s face it: as species we are not among the top 10 of the nicest ones: just take a look at the news.

Given these characteristics of ours, I’ve taken a quick look to see how  behave our friends the animals .
Primates have surely some kind of punishment although the kind of aggression which I found cited as punishment (eg between dominant males for females or food) could be more examples of negative reinforcement (R-) rather than real punishment. The only example of a “real” punishment seems that shown by dominant baboons: if lower ranking members do not report with the appropriate callings the discovery of food sources they are attacked as soon as they move back to the group! A second example of real punishment is the one that has been tested on a herd of horses. Experimenters have taken away from the group lower rank member and feed them in sight to the rest of the group. As they return to the herd they are attacked by higher order horses. Sometimes it’s easy to exchange punishment with negative reinforcement: the stags with a harem attacks and chases the young deers who try to mate with their females. This type of aggression, suffered by parasites -definition for those who seek to divert resources from others- teaches to not to try it with the same dominant stag in the same place. The attitude of  “no try” has been negatively reinforced (I’ll beat you until you quit).

Punitive or aggressive behavior or otherwise designed to subjugate others could be born, counter-intuitively, as an aid to establish cooperation inside the group. In a particular species of wasps, the queen “beat” the lazy wasps. If you freeze -in an experiment- the queen, the activity of workers slows down brutally. Other similar example comes from wrens: in colonies of wrens the helpers kept separated from rest of the colony during the breeding season are attacked on their return to the colony, while are simply ignored if kept separate during other periods. The picture that seems to emerge is that social groups must-necessarily- recourse to coercive behaviors to remain united. It must be said that only some of these behaviors can be clearly labeled as “punishment”.

We humans, as expected, we play a different part (are we or not more evolved?).
By chance at the end of August were published through the Web the preliminaryt results from a recent research that has shown that chimps do not have a particolar class of behavior known as “altruistic punishment”. Altruistic punishment also known as “third party punishment” happens when we punish the responsible of behavior suffered by another person. The fact that our closest cousins don’t have this behavior tell us how much different is mankind’s behavior from the rest of wild. We humans have plenty of this type of behavior -quite well developed- if we see what we could create thanks to it. In fact, it was believed until recently that the great civilizations were born using the neurobiological basis they had for centuries ruled the soclal life of hunters adapting them to the particular resourcefulness Holocene. In practice, as soon as there was the possibility the man has expanded with the brain structures that he had handy.
Seemingly,  climate changes  alone are not enough for the birth of great civilizations. As long as social groups are small, as wide as clans with less than 25-50 members, everyone can adjust independently and directly  their relationships, helped, maybe, by a dominant member. Who have strayed away from the group simply is isolated, plunging his chances of survival: working together is an absolutely necessary. As soon an communities begin to grow and pass the critical threshold of 100 members this type of control is not enough. Who have strayed could be able to hide into the society (maybe finding hapl in another family) escaping the condemnation of those who had been offended. So, large communities must give themselves new laws and rules and, to make those even stronger, they tie together this new course to moral considerations through the invention of Religion. The fact that all (or at least most of) the members should bow to the new rules can not be justified by the simple collaboration. To grow, these societies have to resort to altruistic punishment.This kind of behavior works in this way: someone, (a judge in our societies) decides how a criminal act, addressing to others, should be punished. All members of society accept and apply it. Into smaller groups this mechanism apparentely doesn’t exixt. Studies regarding the last primitive gropus, have shown that they do not have altruistic punishment in their repertoires. Hence the hypothesis that the neurobiological mechanisms of the ancient hunters have evolved into new forms allowing the creation of complex Neolithic societies. Matter of fact that a large genetic mutation has occurred in the Middle Esat and  its result is that we can eat and drink the milk of other species.

Functional studies of the brain have given evidence that these new circuits appear installed in the neocortex: Here you decide whether or not a certain action should be punished; amygdala and other parts of the emotional brain decide the amount of punishment.
These findings from scientific research show that we humans have  specific mechanisms for the punishment; and, it’s said to say, these mechanisms have been responsible for the success, so far, of our species.
Where is the point?

The point is, in my opinion, that we abuse of “third party punishment”, much too often playing the role of judge. When we punish not going to punish the behavior, but the subject. In other words we are going to take revenge for the “peed” carpet . I think our neocortex which show us the future, allowing us to plan and schedule, lead us to take a role that does not always belong to us. We like to judge and criticize we like to see “HOW”  things have been done (to this reagrd you can readt the post “WHY not HOW” in this blog). Let us rather  identify ourself as teachers and not as judges, helping those around us to grow up in a positive way. 
The neurobiological mechanism of altruistic punishment, as we have seen, apply to the social context, where broad masses of people are at play. We do can begin to change our own perspective starting from the small family tribe where collaboration and empathy alone are sufficient to ensure the “survival”. Let’s exclude punitive behavior from our daily lives.
Just a simple Clicker for our dog could take us very far in a wonderful discovery journey.

APPENDIX
As strange as it may sound, mathematical models applied to the evolution of social groups show that altruism alone can only support small groups of individuals (as happens in the wild). The use of coercive behaviors allows groups to:
• stabilize, allowing the development of a shared cultural heritage (necessary basis for a further leap forward related to the development of laws and religions);
• to increase in size. Groups whose members are “free” from altruistic punishment can not exceed 100 members (in some tribal societies, when you reach more or less these numbersm  there is a budding with a birth of a new group). If there is altruistic punishment, the group  can reach 600 units  we are talking about modern society which lives in  pre-agricultural style). While we modern humans, with the increased availability of resources, we have societies made by billions of individuals.

READINGS (DOWNLOADABLE ARTICLES)

  1. BUCKHOLTZ  (2008) – The Neural Correlates of Third-Party Punishment
  2. CLUTTON (1994) – punishment in animal societies
  3. HENRICH (2005) – Markets, religion community size.
  4. MORAL SENTIMENT AND MATERIAL INTEREST – MIT press (2005)
  5. RIEDI (2012) – No Third Party Punishment in Chimpanzees

SOLO NOI

Pubblicato: settembre 29, 2012 in Comportamento
Tag:, , ,

Qualche giorno fa, anzi qualche notte fa una domanda mi è passata per la testa: ma come mai noi umani siamo così inclini alla punizione piuttosto che al rinforzo? Perché il primo istinto è quello di bloccare, un comportamento sgradito anziché rinforzarne uno che ci piaccia. Se il cane se ne sta tranquillo non siamo altrettanto pronti a dargli un bel biscotto quanto lo siamo ad arrabbiarci se ci morde le scarpe. Diciamocelo come specie non siamo tra i top 10 del bon ton… basta guardare i telegiornali. Visto queste nostre caratteristiche sono andato a vedere come si comportano i nostri amici animali.

I primati hanno sicuramente qualche forma di punizione anche se le forme d’aggressione che ho trovato citate come punizioni (ad esempio tra maschi dominanti per cibo o femmine)  potrebbero passare più per Rinforzi negativi (R-) che per punizioni vere e proprie . Unico esempio di “vera” punizione sembra questo mostrato da babbuini dominanti: se membri di rango inefriore non segnalano con gli appositi richiami la scoperta di fonti di cibo vengono aggrediti!  Un secondo esempio di vera e propria punizione è quello che è stato provato su un branco di cavalli. Se si allontana dal gruppo degli esemplari di rango inferiore e si dà loro da mangiare, al loro rientro nel branco questi vengono aggrediti dagli esemplari di rango superiore. Molte volte quelli che apparentemente possono passare per punizioni sono in realtà dei Rinforzi negativi: i cervi maschi che hanno un harem aggrediscono ed inseguono i giovani esemplari che cercano d’accoppiarsi con le loro . Questo tipo di aggressioni subite dai parassiti -definizione per chi cerca di sottrarre risorse-  insegnano agli stessi a non provarci con lo stesso individuo dominante e nello stesso luogo. Il comportamento di “non provarci ” è stato negativamente rinforzato (ti picchio finchè non la smetti!!!).

Comportamenti punitivi o aggressivi o comunque tesi a sottomettere gli altri potrebbero essere nati, controintuivamente, come aiuto per instaurare la cooperazione nel gruppo. In una particolare specie di vespe, la regina” picchia” quelli che lavorano poco. Se si congela –in un esperimento- la regina, l’attività dei lavoranti rallenta brutalmente. Altro esempio simile ci viene dagli scriccioli: in colonie di scriccioli gli aiutanti separati dagli sperimentatori dal resto della colonia durante la stagione riproduttiva venivano aggrediti al loro ritorno in colonia, mentre venivano ignorati se tenuti separati in altri periodi dell’anno. Il quadro che sembra emergere è che i gruppi sociali debbano –necessariamente- far ricorso a comportamenti coercitivi per restare uniti. Solo alcuni di questi comportamenti possono essere chiaramente etichettati come “punizione”.

Noi umani, come c’era da aspettarsi, facciamo gioco a parte (siamo o no più evoluti?).

Per puro caso a fine Agosto sono stati pubblicati sul web primi risultati di una ricerca recentissima, che ha dimostrato che gli scimpanzé non possiedono un particolare tipo di comportamento punitivo detto “punizione altruistica”. La punizione altruistica o punizione di terza persona avviene quando puniamo il responsabile di un comportamento subito da un’altra persona.  Il fatto che i nostro cugini più prossimi ne siano sprovvisti ci da il poslo di quanto distanti siamo noi dal resto della Natura. Noi possediamo questo comportamento piuttosto ben sviluppato, se vediamo cosa siamo riusciti a creare grazie ad esso. Infatti, si riteneva fino a poco tempo fa che le grandi civiltà fossero nate sfruttando le basi neurobiologiche che avevano per millenni regolato la vita dei cacciatori adattandole alla particolare ricchezza di risorse dell’Olocene. In pratica non appena ce n’è stata la possibilità l’uomo si è espanso usando le strutture celebrali che aveva a disposizione.

Apparentemente, i cambiamenti climatici non spiegano da soli la nascita delle grandi civiltà. Si ritiene che finché il gruppo sociale è piccolo, a livello di clan o banda di cacciatori e raccoglitori,  tutti possano regolare autonomamente e direttamente i propri rapporti –magari con l’aiuto di un dominante-. Chi sgarra viene semplicemente allontanato dal gruppo ed isolato facendo precipitare le sue possibilità di sopravvivenza: cooperare è un’assoluta necessità. Nel momento in cui le comunità cominciano a crescere e passano la soglia critica dei 100 membri  questo tipo di controllo non basta più. Chi sgarra avrebbe la possibilità di nascondersi in seno alla società (magari con la collaborazione di un’altra famiglia o gruppo) sfuggendo alla riprovazione di chi fosse stato eventualmente offeso. Per cui le grandi comunità devono darsi nuove leggi e regole e per rendere ancora più forte questo nuovo corso lo legano a considerazioni morali attraverso l’invenzione della religione. Il fatto che tutti, o almeno la maggior parte dei membri, si pieghi alle nuove regole non si può giustificare con l’esistenza della sola collaborazione. Per crescere, queste società devono ricorrere alla  punizione altruistica (o punizione di terza parte ). Ovvero qualcuno (un giudice?) decide come un atto criminale rivolto ad altri debba essere punito e tutti i componenti della società si adeguano a questo. Nelle società più piccole questo meccanismo sembra non esistere: studi condotti sugli ultimi popoli primitivi hanno mostrato che queste popolazioni non hanno la punizione altruistica nei loro repertori. Da qui l’ipotesi che i meccanismi neurobiologici degli antichi cacciatori si siano evoluti in nuove forme consentendo la nascita delle complesse società neolitiche.  Di fatto che una grande mutazione genetica sia avvenuta a partire dalla mezzaluna fertile è cosa appurata e il suo risultato è che possiamo mangiare e bere il latte di altre specie. Studi funzionali del cervello hanno dato evidenza che questi nuovi circuiti sembrano essersi installati nella neocorteccia: qui si deciderebbe se una certa azione vada o meno punita: compito dell’amigdala e delle altre parti emotive del cervello è decidere l’ammontare della punizione. Quello che risulta dalla ricerca scientifica è che noi umani abbiamo dei particolari meccanismi per la punizione che, dispiace dirlo, sono stati responsabili fin qui del successo della nostra specie.

qual’è il punto?

Il punto è, secondo me,  che ne abusiamo, giocando troppo spesso al ruolo di giudice. Quando puniamo non andiamo a punire il comportamento, ma il soggetto. In altre  parole andiamo a vendicare il tappeto su cui il cane ha fatto la pipì. . Credo che le nostre neocortecce le quali ci fanno vedere in avanti, permettendoci di pianificare e programmare, ci inducano a prendere un ruolo che non sempre ci appartiene. Ci piace giudicare e sindacare ci piace vedere “COME” una cosa è stata fatta (su questo argomento vedi il post “PERCHE’, NON COME”). Cerchiamo piuttosto di calarci nella parte dell’insegnante e non del giudice, aiutando chi ci sta intorno a crescere in maniera positiva.

Questi meccanismi neurobiologici , la punizione altruistica, come abbiamo visto, si applicano al contesto sociale, alla logica delle grandi masse d’individui. Cominciamo a cambiare prospettiva partendo dalle nostre piccole tribù familiari dove la collaborazione e l’empatia sono sufficienti da sole  per assicurare la “sopravvivenza”. Escludiamo comportamenti punitivi dalla nostra vita quotidiana. Solo un semplice Clicker per il nostro cane potrebbe portarci molto lontano per un viaggio di scoperta

APPENDICE

Per quanto strano possa sembrare modelli matematici applicati all’evoluzione dei gruppi dicono che l’altruismo da solo può sostenere solo piccoli gruppi di individui (come succede negli animali). L’utilizzo di comportamenti coercitivi consente ai gruppi di:

  stabilizzarsi permettendo lo sviluppo di un patrimonio culturale condiviso (base necessaria per l’ulteriore salto in avanti legato allo sviluppo di leggi e religioni;

  di aumentare di dimensione. I gruppi i cui membri siano privi della  punizione altruistica non riescono a superare i 100 membri (in alcune società tribali quando si raggiunge più o meno queste cifre c’è una gemmazione e nasce un nuovo gruppo). Se nel gruppo la punizione altruistica esiste il gruppo stesso può raggiungere anche le 600 unità (stiamo parlando di società sì moderne ma che vivono in uno stato pre-agricolo). Mentre noi, con la maggiore disponibilità di risorse, abbiamo società composte anche da miliardi di individui.

LETTURE (articoli scaricabili)

  1. BUCKHOLTZ  (2008) – The Neural Correlates of Third-Party Punishment
  2. CLUTTON (1994) – punishment in animal societies
  3. HENRICH (2005) – Markets, religion community size.
  4. MORAL SENTIMENT AND MATERIAL INTEREST – MIT press (2005)
  5. RIEDI (2012) – No Third Party Punishment in Chimpanzees

WHY not HOW

Pubblicato: settembre 20, 2012 in Uncategorized
Tag:,

ImmagineWhat do you glance at first in a behavior? What if your dog has peed on the carpet, if the children have not done their homework, if that guy has just stolen our parking? Of course,  we observe and react to the behavior by evaluating its “HOW”. I refer  the term “HOW” to the tangible consequences of the behavior, in other words to “HOW” our environment has changed.
We see “HOW” the dog has peed, “HOW” homework are not being made and we think “HOW” to have them done, maybe before dinner. Especially, we “HOW” that guy has stolen our parking lot. Days ago I was walking with friends of mine, when we noticed a SUV parked in a forbidden spot (there were road- works), Occupying at the same time two parking lots. I threw some  ‘mental insults”, then I stopped and watched the car, trying to understand the ”WHY ‘”of that behavior. Observing  I was able to see that the driver had pqrked in that way because he was reading the plates of work in progress trying to figure out whether or not he could park. Observing, I could save a lot ‘ of mental energy that would be wasted in useless thoughts on “HOW” these people driving these huge cars, are disrespectful of the traffic rules. As you may have guessed by the term ‘WHY’ “I refer to the antecedents of behavior (the driver’s need to see if he could or not park his big car)

ImmagineIf we try to see the “WHY” of things we may find that not everything in the world happens to like or dislike us. We could see that the dog peed on the carpet because it was ill; we could see that we were “stolen” of the parking lot because the other driver had not noticed us. The yardstick by which we measure how things happen is, only our meter, our personal tool. We create our world with our experience and we are active players for what we hear. We can decide voluntarily what will have an effect on us. We are spectators of the SUV badly parked; focusing our attention onto the “WHY”, we can free ourselves from the emotional influence of “HOW”[1].  .

My dear friend Ted  DesMansions gave me the idea that we are co-arising with our worlds. We are centered on our individual consciousness, but at the same time we are part of an expanded consciousness that encompasses our experiential universe. I think that in order to stay centered in this universe is essential to go to evaluate the causes and not the effects of a behavior. The risk is that the emotional arousal could compell us to  lose our “centerness” [2].
So when our dog makes us angry, or our co-worker just do not want to understand, let’s try to understand the “WHY” of their behavior: only in this way we’ll find  positive solutions for a real and lasting change. The moment I understood the “WHY” of an action I can try to change the antecedents. This can be done without using negative solutions.If I do understand that my dog ​​pees on the carpet because he is too happy when I come home after a long day spent alone, I can find a solution other than  put his nose in the pee assertively stating my dominance (as suggested by some improvised and self-styled TV guru). I can decide to back home during  lunch breaks, I can find a dog-sitter, I can give toys to keep the dog busy during the day.

ImmagineThe same goes for people. Needless to threaten punishment for a room left in a mess, if I can figure out why this happens: the boy is always in a hurry and… “after a while someone comes to fix?”. Let’s clench our teeth and leave the room in primordial chaos until the spark of order lights up. Or let’s teach that order pays: exchange each dress put inside the laundry basket with extra time out of home. I do realize that the search of “WHY”  involves a greater effort than the simple answering to the “HOW”. Put the nose in the pee is easier than finding a dog-sitter or be back  home during the lunch breaks. No nights out  for two weeks is easier than negotiating each single pair of socks with extra time out. In other words, the “HOW” is written in large letters inside the brain, while the ‘WHY’ “is hidden and it is hard to be found . It’s our  ingrained habit to observe and react to what is wrong or we do not like. The reason is easy to understand: our mind is focused on keeping us alive, with all the values ​​in the optimal balance, with the primary resources available and abundant. This is the evolution “ plan A”  . Every little interference with Plan A is seen as a threat, this is why we always focuse our attention to what we  do not like, and usually what we do not like are  the consequences. Let’s take   a  magnifying glass and  look for the “WHY “. Let’s change our habist, and  learn to receive and celebrate with joy and gratitude every thing we like about our environment. Let’s get used to the beauty!

APPENDIX

Immagine Habits. May be so ingrained that it is extremely difficult to eradicate them (smoking, gambling, driving in an inappropriate way). Our will alone is not enough. One of the most interesting discoveries made by Skinner was shaping. What really works  isn’t reinforce the goal behavior( this could too long and be hard to reinforce) , but reinforcing the approximations to the final behavior. If we want to quit smoking we cannot just stop tomorrow pretending to be successful. Rather we can gradually reduce the number of cigarettes and very especially reinforce the reduction in the amount of cigarettes. Find out why a behavior occurs explains which are the reinforcements that come into play allowing  us in to handle them. The TAGteach can be helpful because it allows us to focus on the first and single aspect that lead to the outcomes we want. For example, for quitting smoking, to light the cigarette you have, first, to pick up the package. Why not draw a TAGpoint “package into the drawer”? when we will get the to package the TAGpoint will remind us what we must do to avoid smoking. Obtained the TAG, let’s pay our success with great (let’s look at the beauty of our action). For example, if we like  chocolate …


[1] Here there may be a small problem: habits. Habits are nothing more than self reinforcing behaviors that allow us quickly and, almost always effectivly, to take decisions in order to survive. In this case, the “bad thinking” about the SUV focusing on the final outcome, it may be a habit so ingrained  to be difficult to eradicate, if not with a great effort.

[2] Obviously this is just pure philosophy and theory. I am well aware that there are events that are totally and completely unjustifiable  in their horror: Those events,  trigger a huge emotional wave, so high and strong that submerge any attempt at rationalization. But apart from exceptional events, I believe that in our dailylife this effort could-and should-be taken.

PERCHE’ non COME

Pubblicato: settembre 20, 2012 in Comportamento
Tag:,

e vabbè! a qualcuno piace strano.

Cosa osserviamo per prima cosa in un comportamento? Se il cane ha fatto pipì sul tappeto, se il bambino non ha fatto i compiti, se quello lì ci ha appena rubato il parcheggio? Ovviamente osserviamo e reagiamo al comportamento valutando il “COME” di questo comportamento. Con il termine “COME” faccio riferimento alle conseguenze tangibili del comportamento; in altre parole a “COME” il nostro ambiente è stato modificato.
Vediamo “COME” il cane ha fatto pipì, “COME” i compiti non sono stati fatti e pensiamo a “COME” farli fare, magari prima di cena. Vediamo, soprattutto, “COME” quello lì ci ha rubato il nostro parcheggio. Giorni fa ero a spasso con dei miei amici quando abbiamo notato come un SUV avesse parcheggiato in evidente divieto di sosta (c’erano delle transenne per dei lavori) e come avesse allo stesso tempo occupato due posteggi. Ho lanciato un po’ d’insulti mentali, poi mi sono fermato e ho osservato, cercando di capire il “PERCHE’” di quel comportamento. Osservando ho visto che chi guidava il mezzo si era fermato in quel modo perché stava leggendo i cartelli dei lavori in corso cercando di capire se poteva o meno parcheggiare. Osservando, ho potuto risparmiare un bel po’ di energia mentale che sarebbe stata sprecata in inutili considerazioni su “COME” queste persone alla guida di queste macchine enormi, siano poco rispettose delle norme che regolano il traffico. Come avrete intuito con il termine “PERCHE’” faccio riferimento agli antecedenti del comportamento (il bisogno del guidatore di controllare se poteva parcheggiare lì la sua macchinona).
 Se cerchiamo di vedere il perché delle cose potremmo scoprire che nel mondo non tutto avviene per farci piacere o dispiacere. Potremmo vedere che il cane ha fatto la pipì sul tappeto perché è stato male; potremmo vedere che ci hanno “rubato” il parcheggio perché l’altro guidatore non ci aveva visto. Il metro con cui misuriamo come le cose accadono è, solamente il nostro metro, un nostro strumento personale. Noi creiamo il nostro mondo con le nostre esperienze e siamo attori attivi per quello che sentiamo: possiamo decidere, volontariamente quale effetto avrà uno stimolo su di noi. Siamo spettatori del SUV parcheggiato male e focalizzando la nostra attenzione sul “perché”, possiamo liberarci dall’ influenza emotiva dal “COME” . Il mio caro amico Ted mi ha suggerito il concetto che noi siamo coemergenti con il nostro mondo. Siamo noi stessi centrati su una coscienza individuale, ma contemporaneamente siamo parte di una coscienza estesa che abbraccia il nostro universo esperienziale. Ritengo che proprio per rimanere centrati in questo universo sia fondamentale andare a valutare le cause e non gli effetti di un comportamento. Il rischio è che l’emozione suscitata ci faccia sbilanciare e perdere il nostro equilibrio .
Per cui, quando il nostro cane ci fa arrabbiare o un nostro collega di lavoro, proprio non vuole capire, cerchiamo di capire il perché del loro comportamento: solo in questo modo potremmo trovare una soluzione positiva per un cambiamento effettivo e duraturo. Nel momento in cui ho capito il perché di un’azione posso cercare di cambiare gli stimoli che sollecitano la stessa e questo si può fare senza arrivare a soluzioni negative. Se capisco che il mio cane fa la pipì sul tappeto perché è troppo felice quando torno a casa dopo una lunga giornata passata da solo, posso –devo- trovare una soluzione diversa dal mettergli il naso nella pipì affermando assertivamente la mia dominanza (come suggerisce qualche improvvisato e sedicente guru televisivo). Posso decidere di tornare a casa durante la pausa pranzo, posso trovare un dog-sitter, posso lasciare dei giochi con cui tenere impegnato il cane durante la giornata.

 Lo stesso discorso vale per le persone. Inutile, minacciare punizioni per una camera lasciata in disordine, se riesco a capire il perché questo accade: il ragazzo è sempre di corsa e “tanto qualcuno arriva dopo a sistemare?”. Stringiamo i denti e lasciamo la camera in preda al caos primordiale finchè la scintilla dell’ordine si accende. O insegniamo che l’ordine paga: scambiamo ogni vestito messo via con ore d’uscita extra. Mi rendo conto che cercare il perché comporta un investimento maggiore d’energie rispetto al semplice rispondere al “Come”. Mettere il naso nella pipì è più facile che cercare un dog-sitter o tornare a casa durante la pausa pranzo. Proibire d’uscire per due settimane è più facile che contrattare ogni singolo paio di calzini con tempo extra d’uscita. In altre parole il “COME” è scritto a caratteri cubitali nel nostro cervello, mentre il “PERCHE’” é è nascosto e va cercato con fatica. E’nostra radicata abitudine osservare e reagire a quello che non va o non ci piace. Il perché è facile da capire: la nostra mente è centrata sul mantenerci vivi, con tutti i valori dentro i limiti ottimali, con le risorse primarie disponibili ed abbondanti. Questo è il piano A dell’evoluzione. Ovvio che ogni piccola interferenza con il piano A è vista come una minaccia: questo è il motivo per cui quello che non ci piace attira sempre la nostra attenzione e, solitamente quello che non ci piace sono le conseguenze. Armiamoci invece di lente d’ingrandimento e andiamo a cercare il “PERCHE’”. Cambiamo abitudine, impariamo anche a ricevere ed esaltare con gioia e riconoscenza ogni cosa che ci piace del nostro ambiente. Abituiamoci alla bellezza!

APPENDICE

 Si parlava di abitudini. Possono essere talmente radicate che l’estirparle risulta estremamente difficile (il fumo, il gioco d’azzardo, guidare in maniera non appropriata). La nostra volontà non basta da sola. Una delle più interessanti scoperte fatte da Skinner è stato lo shaping. Ovvero non rinforzare solo il comportamento completo (troppo difficile) ma approssimazioni successive verso il comportamento finale. Se vogliamo smettere di fumare non possiamo smettere domani, piuttosto riduciamo gradualmente il numero di sigarette. Soprattutto rinforziamo molto la riduzione del numero di sigarette. Trovare il perché un comportamento accade ci spiega quali sono i rinforzi che entrano in campo permettendoci in questo modo di gestirli. Il TAGteach può essere un valido aiuto perché ci permette di concentrarci sugli aspetti che portano agli esiti che desideriamo. Ad esempio per smettere per fumare, per accendere la sigaretta bisogna prima prendere in mano il pacchetto. Perché non disegnare un TAGpoint: “pacchetto nel cassetto”? nel momento in cui andremo a prendere il pacchetto il TAGpoint ci ricorderà cosa dobbiamo fare per evitare di fumare. Ottenuto il TAG, paghiamoci con grande gioia per il nostro successo (osserviamo la bellezza della nostra azione). Se ad esempio ci piace la cioccolata…

Luca  Canever

Behaviour

Pubblicato: settembre 17, 2012 in Comportamento
Tag:, ,

B.F. Skinner

I must confess: I’m a behaviourist. I know someone will not agree, others-as has already happened- will say I’m a monster who wants to compare everything and everyone to robots and automata. I am a behaviourist, I know and use  Clicker Training, which makes me also a cold-mind who, at the same time, relegated emotions and feelings to the background, preferring a sterile mechanism made of stimulus and response. I consider my dogs like robots which I can manipulate …Let’s  not even consider the possibility that the same mechanisms can be applied to people (with success): obviously TAGteach. So, since we are talking about behavior I would like to give my point of view and show the complexity that underlies this science (and my beliefs).

Behavior is anything that an organism does in response to an enviromental stimulus. Something happens in the environment and we react accordingly. Poor behaviorism isn’t it? Where are emotions and feelings? Where is the empathy, joy, where is the essence of mankind? Allow me to answer with another question: what “creates” an organism? What “creates” a human being, a plant, a dog or a snail? In other words, where are the basics, the foundations that make every living being one and unique, capable to recognize its own “oness” (if it is equipped with a nervous system sufficiently complex[1] ?)

Sea slug: 20,000 neurons ready to go!

I know I’m myself and I had this awareness of “me” since I was born and I will carry it with me all life long. I am me and, certainly, not someone else. During a lifetime a body renews and regenerates completely. Blood is regenerated in three months, every six months we have new muscles and organs, bones and teeth instead take a year to be replaced. The only cells which follow us throughout life are the neurons (except those who die before the trauma or illness). So we have a “core” of cells that remain consistent throughout our  life[2], immersed in an environment where every other cell dies and, constantly,  reborn. Yet we always clear to be aware and be ourselves. During the night, a part of my body changes and regenerates itself, but when I wake up I’m back and do not feel like some version 2.0 (revised and updated) of myself[3]. Where is the essence of our identity? According to some scholars, and I agree with them, our consciousness is born on the only one thing that does not change in our lifetime: the balance of internal chemistry. Or rather, what does not change is the constant effort to maintain the values of internal chemistry inside a narrow range that allows life. Protein, sugars and fats, the regulation of the body temperature and heart rate, hormones and neurotransmitters: are all components that have to be striclty controlled. There are hundreds of different types of molecules into the bloodstream, their quantity and balance being controlled by the most primitive part of our brain, inside the brain stem (the end part of the spinal cord)

The brain stem

Here, groups of neurons work to mantain all these components  in an optimal balance (known as homeostasis). Our brains are built over and around this primitive part. Behaviors, including emotions and feelings, are born here. Stimulus and response. Is glucose lacking in the blood stream? The biochemical changes  activate the appropriate behaviors to search for food. As you can see we have some very basic response behaviors: on or off of which are the basis of life itself. Emotions are nothing more than mental shortcuts to process quickly and instinctively certain types of responses. Anger, joy, fear are some of those shortcuts and are in fact  behaviors of response to a stimuli that we share with all beings endowed with a nervous system enough evolved[4]The common sharing of this emotional repertoire is evidenced by the fact that we recognize, immediately, if our dog is angry, or if he is happy, and we can do it with any other mammal[5]. Feelings appear only in the most evolved brains, and are nothing more than expressions andbehaviors of a living being aware of its own emotions. The consciousness of having emotions allows us to modulate their “strength”. If we  get angry we are able to control our arousal avoiding to fight against anyone who dares to disagree with us. If my dog ​​is scared she may -if the stimulus does not go beyond a certain limit- try to control her emotions finding different and more useful answers to simply flee or attack.
From the simplest behaviors regulating the omeosthatic balance, more and more complex behaviors emerge; all of them found the same meccanism stimulus-answer. Behavior do emerge, following processes that. Behaviors emerge according to the processes and mechanisms which can be measured in their activity cannot be predicted in their results.

Unfortunately, this is not my car! 😦

We know that a car is made of many mechanical parts. All contribute to creat the car, but what percentage of the car is made, for example, by  the pistons? Or the steering wheel? A piston is not in itself a car, and until it is disconnected from the rest it is not even part of a car. The car “emerges” from its component parts and working together. I know that the brains have a number of –simple- behavioral shortcuts: the emotions.  I cannot compute how each of these emotions contribute to the emergence of a more complex behavior or how the same emotions are felt by the one who experience it. In this “emergence” of increasing complexity, from mechanisms of homeostatic regulation, to  emotions, feelings  and, at the end counsciousness we might find a new sense of what is sacred and mysterious. My behaviourism is born from the understanding of this substrate,from the respect that I have for this complexity and the realization that the underlying mechanisms of a living thing are made of simple mechanisms “on-off”. If I use Clicker Training or TAGteach is because I felt they are the best tools in my possession to interact positively, since they speak through the same patterns strictly inherent in each organism.
Must be careful: I am not suggesting that it is enough to have the plastic box and some food handy to get results[6]. In front of us is always more complex organism. Knowing the scientific basis can not predict what answers emerge with the Clicker: neither we nor our student are -just- robots.
We know how the methodology works, but it’s up to us, as teachers, adapt to the emotional response that arouses from our teaching to work empathically with our students.

 Luca Canever


[1] To this regard, experiments were performed to classical conditioning sea slug. These snails have a nervous system made up of about 20,000 large neurons. The fact that these animals respond to classical conditioning suggests that even in this far primitive system  there is a rudimentary mental processing, ancestor of our consciousness.

[2] These is not completely true: also the plasticity of neuronal connections change during our life, changing the way neurons work. Our brains are continuously changing.

[3] Let me clear this point: if you change every single part of your car during one year what you get is a brand new car, not a “newer” version of the old one. Even though my body change in one year I remain myself, no matter how or what I’ve changed. I’ve consciousness of myself; my car don’t.

[4] Back to our sea slug, we can say that it too has emotions since these animals  can find shortcuts through behavioral conditioning. This means that the animals are capable of being excited. Sea slugs’ emotions, but always emotions

[5] I am not able to understand the mood of an anaconda and I think I would have the same difficulties with some marsupials

[6] A common error among those who criticize the Clicker Training after giving an aproximate trial

SUGGESTED READINGS:

STUART KAUFFMAN: Reinventing the Sacred: A New View of Science, Reason, and Religion

ANTONIO R. DAMASIO: The Feeling of What Happens: Body and Emotion in the Making of Consciousness

Comportamento

Pubblicato: settembre 14, 2012 in Comportamento
Tag:, ,

B.F. Skinner

Lo confesso: sono un comportamentalista. Lo so, qualcuno storcerà il naso, altri –come è già capitato- mi daranno del mostro che vuol paragonare tutto e tutti a robot e automi. Sono un comportamentalista, conosco e uso il Cicker Training, il che mi fa anche passare dalla parte di chi  freddamente e sprezzantemente relega emozioni e sentimenti in secondo piano, preferendo uno sterile meccanismo fatto di stimolo e risposta. I miei cani sono –da me- considerati a guisa di robot che io posso manipolare… Non nominiamo nemmeno la possibilità che gli stessi meccanismi si possono applicare alle persone con successo. –leggi TAGteach. Allora visto che di comportamento stiamo parlando vi vorrei dare il mio punto di vista e mostrarvi la complessità che sta sotto a questa scienza.

Comportamento è qualsiasi cosa che un organismo fa in risposta a uno stimolo esterno. Succede qualcosa nell’ambiente che ci circonda e noi reagiamo di conseguenza. Sterile comportamentalismo vero? Dove sono emozioni e sentimenti? Dov’è l’empatia, la gioia, dove “l’essere” esseri umani? Permettete di rispondere con un’altra domanda: cos’è che “crea” un organismo? Cosa “crea” un essere umano, una pianta, un cane o una lumaca? In altre parole dove stanno le basi, le fondamenta che fanno sì che ogni organismo sia uno ed unico e si riconosca come tale (se dotato di un sistema nervoso sufficientemente complesso[1])?

La lepre di mare: 20.000 neuroni e non dimostrarli…

Io so di essere me stesso e ho avuto questa coscienza di “me” da quando sono nato e la porterò con me per tutta la vita. Io sono io e, sicuramente non sono qualcun altro. Nel corso di una vita un organismo si rinnova e rigenera completamente. Il sangue si rigenera in tre mesi, ogni sei mesi abbiamo nuovi muscoli e organi, per ossa e denti nuovi dobbiamo aspettare invece un anno. Le uniche cellule che ci accompagnano per tutta la vita sono i neuroni del cervello (tranne quelli che muoiono prima per trauma o per malattia). Abbiamo quindi uno “zoccolo duro” di cellule che si mantengono coerenti per tutta la vita, immerse in un ambiente dove ogni altra cellula muore e rinasce costantemente[2]. Eppure abbiamo sempre chiaro di essere coscienti e di essere noi stessi. Durante la notte, una parte del mio corpo cambia e si rigenera, eppure al mio risveglio sono di nuovo IO e non una qualche versione 2.0 (riveduta ed aggiornata) di me stesso[3]. In qualche modo i neuroni, i membri permanenti, rimangono agganciati in un organismo in continuo divenire, riuscendo a mantenere ferma la coscienza di sé (di fatto anche i neuroni cambiano, nel corso della vita le loro connessioni). Dove si trova l’essenza della nostra identità? Secondo alcuni studiosi e io con loro, la nostra coscienza nasce sull’unica cosa che non cambia durante la nostra vita: il bilanciamento della chimica interna. O meglio: ciò che non cambia è lo sforzo costante per mantenere all’interno di valori in cui la vità è possibile la chimica interna. Proteine, zuccheri e grassi, regolazione della temperatura e del battito cardiaco, ormoni e neurotrasmettitori. Sono centinaia i diversi tipi di molecole che navigano nel nostro corpo; la loro quantità e bilanciamento è controllata dalla parte più primitiva del nostro cervello, quella che risiede nel tronco celebrale (la parte terminale del midollo spinale).

Il tronco cerebrale: tra midollo spinale e cervello

Qui, alcuni gruppi di neuroni operano affinchè tutti questi componenti si mantengano in un bilanciamento ottimale (detto omeostasi). Su questi centri è costruita tutto il resto del sistema nervoso centrale. I comportamenti –emozioni e sentimenti compresi- nascono qui. Stimolo e risposta. Manca glucosio nel sangue? La biochimica cambia ed attiva i comportamenti adatti per la ricerca di cibo. Come vedete abbiamo dei comportamenti di risposta molto basilari: di acceso o spento che sono la base della vita stessa. Le emozioni non sono altro che delle scorciatoie mentali per elaborare in maniera rapida ed istintiva alcuni tipi di  risposte. Rabbia, gioia, paura sono alcune di queste scorciatoie e sono di fatto dei comportamenti di risposta a uno stimolo che condividiamo con tutti gli esseri dotati di un sistema nervoso abbastanza evoluto[4]. La condivisione di questo repertorio emotivo è provata dal fatto che sappiamo riconoscere subito se il nostro cane è arrabbiato, o se è felice, e lo possiamo fare con qualsiasi altro animale. Io credo a partire dai mammiferi evoluti in su[5]. I sentimenti compaiono solo negli esseri con cervelli più evoluti, e non sono altro che espressioni –comportamenti- di un organismo che è conscio delle proprie emozioni. La coscienza di possedere emozioni ci permette di poter modulare la loro “forza”. Se sono arrabbiato sono in grado di controllare le mie emozioni ed evitare di picchiare chiunque osi contraddirmi. Se il mio cane ha paura può –se lo stimolo non va oltre uno certo limite- cercare di controllare le sue emozioni e trovare delle risposte diverse alla fuga o all’aggressione. Dai comportamenti di semplice regolazione emostatica emergono gradualmente comportamenti via via più complessi, ma che conservano alla base il meccanismo stimolo-risposta. Il comportamento emerge, secondo processi e meccanismi che seppur possono essere misurati  nel loro essere non possono essere computati nei loro esiti.

Purtroppo non è la mia macchina 😦

Sappiamo, che una macchina è fatta di parti meccaniche. Tutte contribuiscono a fare la macchina, ma quale percentuale della macchina fa, per esempio il pistone? Il volante? Un pistone non è di per sé una macchina, e finchè è scollegato dal resto non è nemmeno parte di una macchina. La macchina, “emerge” dalle parti che la compongono e che lavorano insieme. Posso conoscere che i cervelli hanno una serie di semplici scorciatoie comportamentali, le emozioni ma non posso computare quanto ognuna di queste emozioni contribuisca all’emergere di un comportamento più complesso o come queste emozioni vengano sentite da chi la prova. In questa “emersione” di complessità sempre maggiori, dai meccanismi di regolazione omeostatica, alle emozioni e ai sentimenti possiamo trovare un senso nuovo di ciò che è sacro e misterioso. Il mio essere comportamentalista nasce dalla comprensione di questo substrato, dal rispetto che provo per questa complessità e dalla consapevolezza che i meccanismi alla base di un essere vivente sono fatti di risposte “acceso-spento”. Se uso il Clicker Training o il TAGteach è perché li ritengo gli strumenti migliori in mio possesso per interagire positivamente, in quanto parlano attraverso gli stessi schemi innati in ciascun organismo.

Attenzione: non sto dicendo che basti avere la scatoletta in mano e del cibo per avere dei risultati[6]. Di fronte a noi sta sempre un altro organismo complesso. Pur conoscendo la base scientifica non possiamo prevedere quali risposte emergeranno con il Clicker:  né noi né il nostro allievo siamo –appunto- robot.

Sappiamo che la metodologia funziona ma  sta a noi insegnanti adattarla alla risposta emotiva che emerge dal nostro allievo lavorando empaticamente insieme a lui.

Luca Canever


[1] A questo proposito, sono stati effettuati esperimenti di condizionamento classico su lepri di mare. Queste lumache sono dotate di un sistema nervoso formato da circa 20.000 neuroni. Il fatto chel’animale risponda al condizionamento classico fa ritenere che anche in sistema così primitivo esista una rudimentale elaborazione mentale antenata –molto lontana- della coscienza.

[2] Quest’affermazione non è esatta. Di  fatto pur se i neuroni sono vivi per tutta la nostra vita quello che cambiano sono le connessioni tra di loro. Cambiando queste cambiano anche i modi in cui i neuroni  lavorano.

[3]. Permettete di chiarire questo punto: se cambiate, nel corso di un anno tutti I singoli pezzi della vostra macchina, quello che otterrete alla fine sarà una macchina completamente diversa, rispetto alla macchina che avevate prima. Sebbene il mio corpo cambi completamente nel corso di un anno io rimango sempre me stesso, non importa cosa o come sono cambiato. Io possiedo una coscienza di me, la  macchina no.

[4] Tornando alla nostra lepre di mare, possiamo dire che anch’essa ha delle emozioni: il fatto che possa trovare scorciatoie comportamentali attraverso il condizionamento, significa che l’animale è in grado di emozionarsi. Emozioni di lepre di mare, ma sempre emozioni.

[5] Non sono in grado di capire l’umore di un’anaconda e credo che avrei le stesse difficoltà con alcuni marsupiali.

[6] Errore comune tra chi critica il Clicker Training dopo averlo frettolosamente provato

DA LEGGERE:

Se il discorso dell'”emergenza” della complessità dalla somma dei suoi componenti vi affascina allora questo è il libro che fa per voi.

STUART KAUFFMAN: Reinventare il sacro. Scienza, ragione e religione: un nuovo approccio

E questo se invece v’interessa l’emergere della coscienza dal controllo dell’omeostasi interna:

ANTONIO R. DAMASIO: Emozione e Coscienza

Che me ne faccio di un Blog?

Pubblicato: settembre 13, 2012 in Uncategorized

Breve spiegazione di perché e come cerchiamo sempre di complicarci la vita.

Ho già due siti che cerco –in qualche modo- di mandare avanti, ma ho deciso che un blog libero ed indipendente dai siti era una cosa assolutamente necessaria. In questi anni ho conosciuto persone che con i loro input hanno cambiato –spesso- il modo in cui penso. Ultimamente penso molto a insegnamento/apprendimento e comportamento… è una cosa che mi piace ed affascina. Sto cercando di capire come funzionano e come posso usarli in maniera possibilmente sempre positiva.
Che me ne faccio di un blog? La giustificazione neurobiologica a questa domanda, (che c’entra con comportamento ed apprendimento) è che nel nostro cervello esiste un particolare circuito chiamato dal suo “scopritore”, Jaak Pankseep “Seeking Circuitry”. Ovvero il circuito della ricerca. Questo circuito è quello che ci spinge a cercare costantemente nuove cose da imparare e fare, anche quando siamo belli tranquilli e rilassati. Si tratta di un meccanismo evolutivo che ha la sua ragion d’essere. In natura è meglio muoversi alla ricerca di nuove risorse quando abbiamo la pancia piena e abbiamo risorse da impiegare. Mettersi alla ricerca di cibo quando si è già affamati potrebbe significare… morire di fame.
Il blog è la mia risposta a questo “stimolo” provocato dal Seeking Circutry, che mi fa desiderare scrivere e condividere esperienze. Visto che di comportamento qualche volta mi occuperò (se capita…) possiamo dire che lo stimolo provocato dal Seeking Circuitry ha sbilanciato il mio equilibrio psicofisico (di solito non distinguo tra corpo e cervello, visto che ritengo che questi nomi identifichino le due facce della stessa medaglia). La scrittura –spero- mi permetterà di riconquistare (almeno per un po’) il mio equilibrio.
Il succo di tutto è questo sbilanciamento, questa urgenza che avvertiamo a esplorare: può essere uno stimolo prodotto da noi stessi (come nel mio caso) o uno stimolo proveniente dall’ambiente (come nel caso in cui si voglia insegnare qualcosa a qualcuno). L’apprendimento avviene quando riusciamo a dare risposta allo stimolo. Insegnare significa sbilanciare di proposito e con uno scopo, l’equilibrio di una persona verso un preciso elemento: le tabelline? Imparare a guidare? Seduto per Fido? E’ possibile sbilanciare in maniera positiva, senza dover far ricorso alla punizione e alla coercizione e scriverò anche di questo.
Che me ne faccio di un blog? Ho bisogno di scrivere e raccontare: ecco cosa me ne faccio.

——————————————————————-

Questo è il libro dove Pankseep ha presentato il Seeking Circuitry. Da pochi giorni è disponibile anche “The Archaeology of mind” che tratta a più di dieci anni di distanza gli aggiornamenti a quanto presentato nel libro precedente.