Archivio per novembre, 2012

Trovate le differenze…

Ted DesMasions and me  are tuned. Although we live more than 5000 km far away. I wrote the first post on the punishment and  a couple of days later, he brought a second on the same subject. I read the second post and I had the idea for what I’m about to share with you. Ideas are bouncing across the Ocean 😉

Ted coaches a softball team and he plays this drill: “So we use Queen of the Hill. Throwing pairs line up with one partner on the left field foul line and the other in foul territory. Each pair leaves eight feet or so of space between themselves and the next pair so the group as a whole extends down the foul line. The two closest to home plate qualify as “Queens of the Hill,” and the others aspire to move up into that spot. Girls maintain their relative position by completing a clean throw and catch. If a pair overthrows a target or flubs a catch, that pair cedes their spot in the ‘hierarchy’ and sprints to the bottom spot along the foul line.[1] If they forget (or choose not) to actually sprint, the whole team stops, drops their gloves, and comes to the foul line for a single wind sprint out past centerfield and back. Then they all resume their places in the chain and continue”. The question  Ted addresses to himself and also to us, readers, is the following: Am I punishing the girls? Punishment comes after the unwanted behavior (poor performing) and should reduce the frequency of that behavior. Right? The question I pose to you, however, is this: what if you  sprints do increase the frequency of correct execution of the drill? What sprints becomes in this case? Technically they become the negative reinforcement for the desired behavior. Right?

Confused [1]? Reinforce one thing, means, necessarily punish another, or at the very least, negatively reinforce another. Take the case of Clicker Training. While I’m marking and reinforcing a behavior with food I am -at the same time- punishing / negative reinforcing everything else. One behavior increases in frequency (and this is part of the definition of reinforcement) and the rest decreases frequency (definition, this time, for punishment). A first explanation could come from the scientific theory:

1 – Reinforcement  happens during the behavior; punishment doesn’t ( I beat the dog that ALREADY peed on the carpet).

2 – Negative reinforcement can be avoided by changing behavior;  punishment doesn’t (I pull the rein, and in response the horse turns her head. The dog has nothing to change while she is beaten because she peed) .

When I decide that Akira, my border collie, is ready to learn a new criteria, the dog will –of course- try a few times to make me “Click!” performing the old criteria. My ignoring Akira’s behaviors, holding the “Click!” is, in fact, a punishment (I give something that the dog does not want – I hold the food- to decrease the frequency of a behavior: those that do not meet to my criteria). At the same time I’m reinforcing behaviors that meet my criteria.

I’m playing a little bit on the edge of the cliff, I know perfectly well that Clicker is -OBVIOUSLY- different from a stick.

In my opinion, though not often mentioned in the books, the only real yardstick for distinguishing punishment from reinforcement is both the role of the receiver and timing.

1 – Teacher’s action can be avoided by the receiver? Reinforcement. [2]

2 – Teacher’s action can not be avoided by the receiver? Punishment.

If the action is still contemporary to behavior it’s a reinforcement, otherwise we are in the field of punishment. [3]

Before going further still, just consider this: when we beat the dog for  peeing, or the boy for coming home late, what are we, EXACTLY, punishing? Behavior or who did it? I’m punishing the pee and the delay or the dog and the boy? In short, are we teaching or simply taking our revenge? Before get into any situation where something has already happened, let’s ask to ourselves whether our intervention will change things for the better: if the answer is yes, we can proceed, otherwise it is better to think of something else. [4] This idea is not mine but it’s from Dr. G. Lathman [5]. Most of the time our “punishments” are directed against those who have misbehaved. They are no longer teaching, but  revenge or vent for our frustration. Let’s stop for a moment to analyze the situation: we can realize the aims of our intervention and change them accordingly.

So, what’s Ted doing with his girls? Is he punishing behavior or  is he reinforcing  others one? Is he taking is revenge against something?

The athletes are training. If we could define training as a “macro-behavior”, we could say that Ted is reinforcing more or less negatively his girls. Ted’s interventions are contingent on behavior (which is the training in its entirety), but they can also be avoided by the girls (just by getting more engage in the next round). Knowing Ted, I can also say that his intents are to reinforce the correct behavior and do not punish anything else. Dealing with behaviors intentions count. Pretty much.

The true difference is in the quality of information that we communicate to our students. The more the environment is positive (Clicker Training and TAGteach in my practice), the more information will be easy, available and shared. It will be less “heavy” from the point of view of the emotional arousal, less unbalancing for the receiver. As we move and get closer to the edge of coercion information’ quality deteriorates, it becomes difficult, very heavy and very unbalancing. Only people who are particularly “gifted” and with  iron-gutt, are able to teach with these tools. A great skill is needed to be able to communicate just saying “No”. It ‘much easier to create confusion and fear than learning.

Do You want a proof? Do this game with someone. You can be in the group but it’s good also if you are only two. Who will be trained exit from the room. The group decides what to get him to do on his return (things easy for charity: take a book, sit in a chair). In return the teacher can guide his pupil just saying “Yes” (or using a clicker, if you have one at hand, marking every behavior towards the right direction). Then reverse roles. Bring out the trainer, choose a new behavior and guide him, this time, only using the word “No” (for which just stop every wrong thing he does). Is there something different between the two procedures?

Play yourself the role of the student and try to get you  driven  both ways: do you feel any difference?

 

[1] I will always remember with pleasure the confusion I had in mind after the conference Prof. Ruiz Rosalez gave to Clicker Expo 2012. Conference with similar arguments to those Idiscussed here. With great skill, the professor has led us to be almost unable to distinguish between reinforcement and punishment.

[2] With “teacher” I indicate who or what is acting upon the receiver.

[3] Question: if it rains and I have my umbrella, rain reinforces my “have an umbrella with me.” And if it doesn’t’ rains? Bring my umbrella is punished by the lack of rain (I cannot order  rain  ..). Unless, as soon as I reaIize the sunny day I  go back home to leave the umbrella. The sun negatively reinforces my “having the umbrella”. At this point, between punishment and reinforcement the meter is convenience: better to lose 3 minutes and return home, or to carry around all day a useless umbrella? If the next time, with the sun, I will not take the umbrella this will mean that taking out the umbrella with the sun  the previous day, was negatively reinforced (I do not like the concomitant presence of sun and umbrella, reinforcing  my “leave umbrella home” next day). What a beautiful mess isn’t it?

[4] Beating the dog improves the status of my carpet? I would say no. Maybe the dog was too much time alone in the house, maybe he has a little problem in the bladder or maybe I took it out too early this morning …

[5] “Unless what you are about to say or do has a high probability for making things better, do not say it and do not do it.” Lathman: “The Power of Positive Parenting”

Annunci

NOTATE LA DIFFERENZA?

Pubblicato: novembre 27, 2012 in Insegnare
Tag:,

Trovate le differenze…

Io e Ted DesMasions siamo in sintonia. Anche se viviamo a più di 5000 km di distanza. Io ho scritto un primo post sulla punizione e lui un paio di giorni dopo ne ha proposto un secondo sullo stesso argomento. Io leggo il secondo post e mi viene l’idea per quello che sto per condividere con voi.

Ted fa questo esempio: lui allena una squadra di softball e fa un esercizio per cui se una coppia di giocatrici non esegue con il dovuto impegno l’intera sequenza di lancio e presa viene rimandata, di corsa, in fondo alla fila. Se la coppia non torna indietro di corsa, tutta la squadra si fa uno sprint lungo il campo (più o meno… non sono un esperto di softball, comunque avete l’idea). La domanda che Ted si pone e rivolge anche a noi lettori è la seguente: sto punendo le ragazze? La punizione avviene dopo il comportamento indesiderato (fare male l’esercizio) e dovrebbe ridurre la frequenza del medesimo comportamento. E quindi questo è il caso giusto? La domanda che io pongo a voi è, invece, questa: ma se fare le corse per il campo aumenta la frequenza delle corrette esecuzioni dell’esercizio? Cosa diventano gli sprint in questo caso? Tecnicamente dei rinforzi negativi per il comportamento desiderato. Giusto?

Cominciamo ad essere confusi[1]? Rinforzare una cosa, significa, necessariamente punirne un’altra, o per lo meno, rinforzare negativamente un’altra. Facciamo l’esempio del Clicker Training. Mentre sto marcando e rinforzando con il cibo un determinato comportamento sto, allo stesso tempo, punendo/rinforzando negativamente tutto il resto. Un comportamento aumenta di frequenza (e questa è parte della definizione di rinforzo) e tutto il resto diminuisce di frequenza (definizione, questa volta, di punizione). Un primo chiarimento potrebbe venirci dalla teoria scientifica:

1-   il rinforzo avviene in contingenza al comportamento; la punizione no (picchio il cane che ha fatto la pipì sul tappeto).

2-   il rinforzo negativo può essere evitato modificando il proprio comportamento; la punizione no (tiro la redine e, in risposta il cavallo gira la testa. Mentre il cane non ha niente da modificare intanto che viene picchiato perché ha GIA’ fatto la pipì).

Quando decido che Akira, il mio border collie, è pronto per imparare un nuovo criterio, il cane ovviamente proverà per qualche volta a farmi fare “Click!” attraverso il vecchio criterio. Il mio ignorare i comportamenti del cane trattenendo il “Click!” è, di fatto, un punizione (do qualcosa che il cane non vuole –trattengo il cibo- per diminuire la frequenza di un comportamento –nello specifico tutti quelli che non corrispondono al mio criterio).

Sto un pochino giocando sul filo dell’assurdo, lo so perfettamente che il Clicker è –OVVIAMENTE- diverso da un bastone.

Secondo me, anche se non spesso ricordato dai testi, l’unico vero metro per distinguere punizione da rinforzo consiste nel ruolo del ricevente e nella tempistica.

1- L’intervento “del maestro” può essere evitato dal ricevente? Rinforzo.[2]

2- L’intervento “del maestro” non può essere evitato dal ricevente ? Punizione.

Se l’intervento è contemporaneo sul comportamento parliamo ancora di rinforzo, viceversa siamo nel campo della punizione[3].

Prima di andare avanti consideriamo ancora questo: quando picchio il cane per aver fatto la pipì, o il ragazzo per essere tornato a casa tardi, cosa sto, ESATTAMENTE, punendo? Il comportamento o chi l’ha fatto? Sto punendo la pipì e il ritardo o il cane e il ragazzo? Insomma: stiamo insegnando o ci stiamo semplicemente vendicando? Prima di intervenire, in qualsiasi situazione in cui qualcosa è già successo, chiediamoci se il nostro intervento cambierà in meglio la situazione: se la risposta  è sì, possiamo procedere, altrimenti meglio pensare a qualcos’altro[4]. Quest’idea non è mia, ma del Dott. G. Lathman[5]. La maggior parte delle volte le nostre “punizioni” sono rivolte contro chi ci ha fatto il torto. Non si tratta più d’insegnamento, ma di vendetta o sfogo della nostra frustrazione. Fermandoci un’attimo ad analizzare la situazione ci possiamo rendere conto dove mira il nostro intervento e modificarlo di conseguenza.

Allora Ted, con le sue ragazze cosa sta facendo? Sta punendo dei comportamenti o ne sta rinforzando degli altri? Si sta vendicando di qualche “torto” subito?

Le atlete stanno facendo allenamento. Se potessimo definire l’allenamento come “macro-comportamento”, potremmo dire che Ted stia rinforzando più o meno negativamente le ragazze. Gli interventi di Ted sono contingenti sul comportamento (che è l’allenamento nella sua interezza), ma possono anche essere evitati dalle ragazze (basta che s’impegnino nel prossimo turno). Conoscendo Ted posso anche affermare che il suo intento è quello di rinforzare il comportamento corretto e non punire il resto. E in questi casi anche le intenzioni contano. Molto.

La differenza, vera, sta alla fine nella qualità dell’informazione che comunichiamo ai nostri allievi. Più l’ambiente è positivo (Clicker Training, TAGteach per quanto mi riguarda) più l’informazione sarà facile, disponibile e condivisa. Essa sarà meno pesante dal punto di vista del carico emotivo, meno sbilanciante l’equilibrio del ricevente. Man mano che ci spostiamo e ci avviciniamo alla sponda della coercizione la qualità dell’informazione si deteriora, diventa difficile, molto pesante ed estremamente sbilanciante. Solo persone particolarmente “dotate” e dallo stomaco di ferro, riescono ad insegnare in queste condizioni. Ci vuole una enorme perizia per riuscire a comunicare solo dicendo “No”. E’ molto più facile creare confusione e paura che apprendimento.

Volete la prova? Fate questo gioco con qualcuno. Potete anche essere in gruppo ma va bene anche se siete solo in due. Chi verrà addestrato esce dalla stanza. Il gruppo decide cosa fargli fare al suo rientro (cose facili per carità: prendere un libro, sedersi su una sedia). Al rientro l’educatore potrà guidare il suo allievo solo dicendo “Sì” (o con un clicker se ce l’avete sottomano marcando ogni comportamento nella direzione corretta). Poi invertite i ruoli. Fate uscire il maestro, decidete un nuovo comportamento e guidatelo, questa volta, solo con il “No!” (per cui bloccate ogni cosa sbagliata che fa). Cambia qualcosa tra le due procedure?

Mettetevi nei panni dell’allievo e provate a farvi guidare in tutti e due i modi: notate la differenza?


[1] Ricorderò sempre con piacere la confusione che ho avuto in mente dopo la conferenza del Prof. Rosalez Ruiz alla Clicher Expo 2012. Conferenza su argomenti simili a questi qui trattati dove, con maestria, il professore ci ha –quasi- portato a non sapere più distinguere tra rinforzo e punizione.

[2] Con “maestro” indico chi o cosa sta intervenendo sul ricevente.

[3] Domanda: se piove e io ho l’ombrello la concomitanza tra pioggia e presenza dell’ombrello rinforza il mio “avere l’ombrello con me”.  E se non piove? Il mio portare l’ombrello viene punito dall’assenza di pioggia (non è che posso far piovere a comando, quindi ..). A meno che, visto il sole, decido di tornare in casa e mollare l’ombrello. Il sole rinforza negativamente il mio “avere” l’ombrello. A questo punto tra punizione e rinforzo la misura sta nella convenienza: meglio perdere 3 minuti e rientrare in casa o, portarmi dietro tutto il giorno l’ombrello? Se la prossima volta, con il sole, non userò l’ombrello significa che il portare fuori l’ombrello con il sole del giorno precedente,   è stato rinforzato negativamente (la presenza concomitante di sole e ombrello non mi piace e rinforza il mio lasciare a casa l’ombrello l’indomani). Bella confusione vero?

[4] Picchiare il cane migliora la situazione del mio tappeto? Direi di no. Forse il cane è stato troppo tempo solo in casa, forse ha un piccolo problema alla vescica o forse l’ho portato fuori troppo presto questa mattina…

[5]Unless what you are about to say or do has a high probability for making things better, don’t say it and don’t do it”. Lathman: “The power of Positive Parenting”

UNBEARABLE UNCERTAINTY

Pubblicato: novembre 20, 2012 in behaviour, Teaching

A few days ago I was walking with my dogs. When we are in the county my feet follow the path and my mind takes trips. So I think a lot and “chew” a lot. Pay attention, not every time there are large and deep thoughts, indeed. Almost every time my thoughts are tuned to “generic”, but sometimes I have some good flash.

A few days ago, I had one of these thoughts and I’ve decided to share it with you. Since when I’m working in education and teaching I’ve always found nasty what scientific books wrote about  punishment and reinforcement [1]. I do like the main definition of reinforcement (it is “an event that increases the frequency of a given behavior”) the definition of punishment just pissed me: “it is an event that decreases the likelihood of a given behavior to reoccur”. The “Likelihood” bothered me, leaving some doubt that, some time, in some way, it could work. Like leaving a door slighlty, almost an invitation or justification. “Look, if you want to try … it might just work.”

Parentheses. I have the proof that punishment does not work. Never. A month ago I experienced something “heavy”. I’ve teached as substitute, for two weeks in our middle school (children aged 10-14). With the older ones I succumbed to temptation, that small opening that “decreases the likelihood…” I wrote a couple of reprimands. Obviously the boys have quietly ignored my “punishment”, so I found myself with no more weapons for control their behaviors. When you shoot the bigger nuke than you have, or you have won the war or you have  lost.it.  I have lost my war, and the sense of helplessness that this defeat gave me was a bad load to carry on for few days.

A few days ago I realized that, sometimes, what works in punisment (hence the “reduce the likelihood …”), it isnot the event itself, but the effectst it leaves later.

Let me explain.

When we take a fine for over-speeding, we are punished for exceeding the speed- limit. What makes us go slowly, after the fine, it is not the fine itself, but it is the memory of the fine which negatively reinforces our going slow (negative reinforcement = give something you do not like to increase the likelihood of a behavior). That is. as long as I have in mind the memory of the fine I will respect the limits. As memory begins to loosen its grip, and my rushing through the streets gets stronger day by day, since, at least statistically,I  will not meet other  patrols, the punishment has no longer any effect. In practice I have not learned.

I’m not sure, but my suspicion is this: that the “collateral” effects, that we all know, arising from the use of punishment (anxiety, stress, behavior problems etc etc) are derived from this after-effect during which the punishment, while no longer existing, continues to exert its influence and the subject is torn between the desire to do something, and the memory of the punishment itself. The problem may be that the negative reinforcement is only a mental image, while the rushing with the car  is a true Reinforcement, tangibly present in my “here and now”? Let me clarify. One thing is to use negative reinforcement to increase the frequency of a behavior, such as pulling  the reins to turn horse’s head. But, in this case, there is contingency between the two physical actions “pull” and “turn”. There is, in fact, a direct flow of information. At every moment the horse may decide to turn her heads and stop the pulling. The receiver has an active role [2].

In the case of punishment, the receiver has no active role. Those who suffer the punishment can not do anything to avoid it. The fine unlike the rein does not give me anything to do but … pay. The next effect is that until I’ll remember the fine,I’ll slow down for a while my speed. In the case of punishment, there is no information flowing, and I’m alone,  fighting between increasing my speed (positive reinforcement) and the risk of taking a second fine (negative reinforcement). The concomitant presence of the two types of reinforcements leads to confusion, stress and uncertainty. From my point of view, uncertainty, or the lack of clear information is the worst thing that can happen to someone who is-or should be-learning something. In the presence of a stimulus, the  learning how to handle it it is an absolute priority.

Back for a moment to my experience in school. This lack of information in the punishment becomes even more evident. Pupils’s life has not changed after my reprimands: my enforcement , late behavior had since long lost its effectiveness when there are no left  “negative reinforcement ghost” to regulate pupils’ behavior. In other words, if the punishment is not scary  for the receiver there is no more chance for any kind behavioral  change [3].

Bacteria: they still have to learn…

I am a supporter of the concept of homeostasis, as theorized by Antonio Damasio. Homeostasis is nothing more than the ideal balance (ideal, because it is never reached) towards which all functions and settings of body [4] go: body glucose levels, indoor and outdoor temperature, blood oxygenation, heart rate etc etc. For each stimulus, external or internal, which reaches and affects our body, our regulatory mechanisms work so that the parameters of homeostasis remain within the limits where life is still possible. Enlarging this concept, even the brain mechanisms, aimed at learning, fit within available tools homeostasis management. When an external stimulus unbalances my homeostasis (for example,during  a diner someone who   asks me to pass the salt [5]), my body tries to regain his balance by using the appropriate strategies (passing the salt, for example). In this process of imbalance I had the opportunity to respond with a precise action and, therefore, to learn.

Learning is a must of evolution: the more I learn, the more I can manage the environment and increase the chances of passing my genes to future generations. In nature, the punishment does not exist, all the behaviors even the most coercive are expressions of negative reinforcement.

The use of punishment does not allow us to learn and, to a stimulus that unbalances my balance, I have no possibility to answer: we are, in fact, powerless. From here all the deleterious effects that result from the use of punishment.

An alternative to fines? Here it is: http://www.youtube.com/watch?v=iynzHWwJXaA

The fun-really-can change the behavior!

[1] My opinion of Reinforcement and Punishment are described in the post “Teaching”

[2] I’m not a fan of negative reinforcement used as only tool for education or training. I know that positive reinforcement allows me to get better results, faster, and longer. That said, correctly applied the negative reinforcement can be an effective aid to the positive reinforcement, as brilliantly demonstrates, for example, the work of Alexandra Kurland (http://www.theclickercenter.com/ if you are interested in

[3] Karen Pryor in “Do not shoot the dog!” Writes that there is only one type of punishment, that, absolutely and scientifically, works: extinction. For example, the extinction (killing or abandonment) of the barking  dog certainly solves the problem of barking.

[4] I use the word “body” as indicating the unity of mind, internal control mechanisms and the actula physical body.

[5] I still used the example “of the pass the salt” in the post: “Teaching”, which contains some complementary concepts to this post. So, if you want to know more …

L’INSOSTENIBILE INCERTEZZA…

Pubblicato: novembre 20, 2012 in Comportamento, Insegnare

Qualche giorno fa ero a spasso con i cani. Quando sono per campi con loro i piedi vanno lungo il sentiero e la testa parte per altri viaggi. Per cui penso molto e “mastico”. Intendiamoci, non è che ci siano sempre grandi e profondi pensieri, anzi. Quasi sempre siamo sul generico-banale, ma qualche volta ho qualche sprazzo degno di nota.

Qualche giorno fa, ho avuto uno di questi pensieri, che ho deciso di condividere con voi. Da quando mi occupo d’educazione ed insegnamento mi ha sempre dato un po’ fastidio quello che recitano i testi scientifici, quando definiscono punizione e rinforzo[1]. Fatto salvo che la definizione di rinforzo mi piace (è: “un evento che aumenta la frequenza di un certo comportamento”) la definizione di punizione proprio non mi va giù: “è un evento che diminuisce la probabilità che un comportamento si ripresenti”. “la probabilità” mi dava fastidio, lasciando il dubbio che qualche volta in qualche modo potesse funzionare. Come a voler lasciare uno spiraglio di porta aperta, quasi un invito o una giustificazione. “Guarda, se vuoi provare … potrebbe anche funzionare”.

Parentesi. Ho la prova che la punizione non funziona. Mai. Un mese fa ho vissuto un’esperienza “pesante”. Ho fatto supplenza per due settimane alle scuole medie. Con i più grandi ho ceduto alla tentazione, a quel spiraglio che “diminuisce la probabilità”: ho messo un paio di note. Ovviamente i ragazzi hanno tranquillamente continuato a fare quello che facevano, per cui io mi sono trovato senza più armi con le quali poter esercitare un minimo di pressione. Quando hai sparato la bomba più grossa che hai a disposizione, o hai vinto la guerra o l’hai persa. Io l’ho persa, e il senso d’impotenza che questa sconfitta mi ha dato ha pesato per parecchi giorni sul mio umore.

Qualche giorno fa ho realizzato che quello che qualche volta potrebbe funzionare nella punizione (da qui il “diminuisce la probabilità…”), non è l’evento in sé, ma l’effetto che lascia in seguito.

Mi spiego.

Quando prendiamo una multa per eccesso di velocità, veniamo puniti per aver superato il limite. Quello che ci fa andare piano, dopo, non è la multa in sé per sé, ma è il ricordo della multa che rinforza negativamente il nostro andare piano (rinforzo negativo = dare qualcosa che non piace per aumentare la probabilità di un comportamento). Ovvero fintanto che ho in mente il ricordo della multa rispetterò i limiti. Appena la memoria comincia ad allentare la sua presa, e il mio correre per le strade si rinforza giorno dopo giorno, visto che, almeno statisticamente, non incontreremo per un po’ altre pattuglie di vigili, la punizione cessa ogni effetto. In pratica non ho imparato.

Non lo so, ma il mio sospetto è questo: che gli effetti “collaterali” che tutti conosciamo, derivati dall’uso della punizione (ansia, stress, problemi di comportamento etc etc) derivino da questo effetto onda durante il quale la punizione, pur non più presente, continua ad esercitare la sua influenza e il soggetto è combattuto tra il  desiderio di fare qualcosa, e il ricordo della punizione stessa. Il problema potrebbe essere che il Rinforzo negativo è solo un’immagine mentale, mentre il correre è un vero rinforzo tangibilmente presente nel mio “qui ed ora”? Chiarisco. Un conto è usare il Rinforzo negativo per aumentare la frequenza di un comportamento, tipo tiro la redine e il cavallo gira la testa. Ma in questo caso esiste contingenza tra le due azioni fisiche “tirare” e “girare”. C’è, di fatto, passaggio d’informazione diretto. In ogni istante il cavallo può decidere di girare la testa e far cessare il tirare. Il soggetto ricevente ha un ruolo attivo[2].

Nel caso della punizione il ricevente non ha nessun ruolo attivo. Chi subisce la punizione non può far nulla per evitarla. La multa a differenza delle redine non mi da null’altro da fare che… pagare. L’effetto successivo consiste nel fatto che io ricordandomi della multa, rallento per un po’ il mio correre. Nel caso della punizione, non c’è nessun passaggio, e io sono da solo a combattere tra l’andare spedito (rinforzo positivo) e il rischio di prendere una seconda multa (rinforzo negativo). La concomitante presenza dei due tipi di rinforzi genera confusione, stress e incertezza. Dal mio punto di vista, l’incertezza, ovvero la mancanza di chiare informazioni è la cosa peggiore che possa capitare a qualcuno che sta –o deve- imparare qualcosa. In presenza di uno stimolo, imparare a gestirlo è una assoluta priorità.

Tornando, per un attimo, alla mia esperienza a scuola, questa mancanza d’informazioni nella punizione diventa ancora più palese. Una volta ricevuta la nota per i ragazzi la vita non è cambiata di una virgola: la mia azione coercitiva, in ritardo sul comportamento aveva da tempo perso la sua efficacia nel momento in cui non lasciava più nessun “Rinforzo negativo fantasma” a regolare le azioni dei ragazzi. In altre parole: se al ricevente la punizione, la punizione stessa, non fa paura non c’è più spazio per nessun tipo di modifica del comportamento[3].

Batteri: anche loro devono imparare…

Sono un sostenitore del concetto di omeostasi, come teorizzato da Antonio Damasio. L’omeostasi altro non è che l’equilibrio ideale (ideale, perché mai raggiungibile) cui tendono tutte le funzioni e le regolazioni corporee: livelli di glucosio, temperatura esterna ed interna, ossigenazione del sangue, battito cardiaco etc etc. Ad ogni stimolo, esterno od interno che raggiunge ed interessa il nostro corpo, i nostri meccanismi di regolazione lavorano affinchè i parametri dell’omeostasi rimangano all’interno dei limiti nei quali la vita è ancora possibile. Allargando questo concetto, anche i meccanismi  celebrali, finalizzati all’apprendimento rientrano all’interno egli strumenti a disposizione del corpo[4] per gestire la propria omeostasi. Quando uno stimolo esterno sbilancia la mia omeostasi (per esempio un commensale che a tavola mi chiede di passargli il sale[5]), il mio corpo cerca di recuperare l’equilibrio utilizzando le strategie opportune (passando il sale per esempio). In questo processo di sbilanciamento io ho avuto l’opportunità di rispondere con un’azione precisa e, quindi, d’imparare.

Imparare è un must evolutivo: più imparo, più posso gestire l’ambiente e e aumentare le probabilità di passare il mio patrimonio genetico. In natura la punizione non esiste, tutti i comportamenti anche i più coercitivi sono espressioni di Rinforzo negativo.

L’uso della punizione non consente d’imparare e, a uno stimolo che sbilancia il mio equilibrio, io non ho nessuna possibilità di risposta: di fatto sono impotente. Da qui tutti gli effetti deleteri che dall’uso della punizione derivano. Un’alternativa alle multe? Eccola qua: http://www.youtube.com/watch?v=iynzHWwJXaA

Il divertimento può cambiare –davvero- il comportamento!


[1] La mia opinione su Rinforzo e Punizione sono descritte nel post “Insegnare”

[2] Non che io sia un fan del rinforzo negativo usato come esclusivo mezzo d’educazione o addestramento. Lo so che il rinforzo positivo mi permette di ottenere risultati migliori, più veloci e più duraturi. Ciò detto, correttamente applicato il rinforzo negativo può essere un efficace aiuto al rinforzo positivo, come dimostra brillantemente, ad esempio il lavoro di Alexandra Kurland (http://www.theclickercenter.com/ se foste interessati a un’approfondimento)

[3] Karen Pryor in “Don’t shoot the dog!” scrive che esiste solo un tipo di punizione che, assolutamente e scientificamante, funziona: l’estinzione. Per esempio l’estinzione (uccisione o   abbandono) del cane che abbaia di notte risolve sicuramente il problema dell’abbaio.

[4] Uso la parola “corpo” come indicante l’unità tra mente, meccanismi di  regolazione interni e corpo fisico.

[5] Ho impiegato ancora l’esempio “del passare il sale” nel post: “Insegnare” che contiene concetti complementari a questi. Per cui, se desiderate approfondire…