Archivio per dicembre, 2012

AUTOMATIC AND CREATIVE

Pubblicato: dicembre 21, 2012 in behaviour, Teaching

città medievaleDuring the Middle Ages, and later still, in the Renaissance, the difference between artist and craftsman was very subtle. The training a potter or a painter received was, essentially, the same. Very young, still a child, you were sent to a Maestro,  as apprentice; you were supposed to stay and study, there, for a period of about 10 years. For 10 years an apprentice lived  close to the tools and the art with which later, he would had earned a living. At the end of the established time, a final examination was required before the apprentice could claim the title of Master and open,  his own workshop. The long training aimed to develop knowdlege of every tool, material and technique required to a Maestro. This knowledge needed to be acquired with Mastery. This term refers to the knowledge that goes beyond to the simple “know how to do” the things. It refers to circumstances when the answers to a problem  arouse “spontaneously” without an actual, conscious control. Primarily indicates the possession of Fluency: the skill to do things quickly and well.

brain 3d grid 2Our minds work on two levels: the first level (which we call “Unconscious”) is hidden in many respects, andit  includes all the behaviors over which we do not have effective control: breathing, walking … We do not know how to walk, simply we think that we want to go to a place and… we go. The second level (which we call “Conscious”) is where lives everything we are conscious of. Learning means -also-to transfer behavior and knowledge from the Conscious to the Unconscious; to give  control of our behaviors to the unconscious part of the brain. The more we learn the less we need to pay  attention to our behaviors. There are several advantages to this outpouring of knowledge:

• Availability of resources

• Speed ​​of execution

• Improved memorization

• Creativity

Let’s see, quickly, these elements.

 

1 – AVAILABILITY OF RESOURCES

The ability of doing things automatically, frees cognitive resources of Consciousness which can be used for other things, such as talking with our passengers while we’re driving. From an evolutionary  point of view, the advantages  -from this ability- are obvious. Being able to perform two-or more- behaviors at once, meanwhile focusing to something else, ensure high adaptability to the environment and this, in turn, means a better chance of survival. The same thing has happened to Computer. The first ones, like Commodore 64,C64_10 could manage one thing at a time, one game or one program. If we wanted to change program had to charge the data what we need. Nowadays, computers can easily handle several programs at once, and as I’m writing I can hear the music. [1]

2 – SPEED IMPLEMENTING

Behaviors are extremely faster when they are automatic. If meanwhile we’re walking we stumble, the motor reaction is fast enough to make we regain our balance before falling (usually …). If we were to perform the same action consciously, the results would be quite disastrous. Among humans, the category that achieves the more spectacular results than any other, thanks to the automatism acquired in behaviors are athletes. Tennis players, football players, gymnasts can express beauty, harmony and power in their actions because they have developed after years of training automatic (uncouscious) skills. If we try to ask to a top performer how he does his most spectacular blow, the answer, probably, would be a “I do not know”. The motor skills are automatic and, therefore, beyond the control of consciousness [2].

3 – BEST STORAGE

We Remember better and longer  automatic behaviors. Although for 11 months a year I do not go to the beach, either we do not forget how to swim. The same we can say for cycling or arithmetic. These are things that we will never forget, it doesn’t matter how many years have to pass before you ride  a bicycle again. To automate behavior means: Practice. To repeat the same action many, many times. The behaviors that go unconsciously have had this kind of training. These are things we have done and repeated because we liked them and found them fun or exciting. In a single word: Reinforcing.

4 – CREATIVITY

Back to our Maestri, the great artists of the Renaissance, have become such thanks to education, combined with natural talent [3]. The training in the workshops allowed Leonardo, Raphael and Michelangelo to learn with skill everything was possible to learn: how prepare the colors; how to hold a brush or a chisel, how to prepare canvas, plasters and marbles. Freed from the control of those aspects of their art, Maestri’s cognitive resources  were available for creativity that they express creating wonderful masterpieces. Without training, without practice, without skills we would not have the Mona Lisa, the Piety or the Venus of Urbino. To have automatic skills is not opposed to creativity. The opposite is true: the automatic behavior allows us to create, with wit and inventive, new things.la fornarina

What about us that we are not Michelangelo or Leonardo? Automatic means to become plastic and creative. Knowing how to do something more quickly and well, in fact, it frees the resources to express our higher cognitive potential. We must strive to find techniques and methodologies that enable teachers and students to practice gestures, actions and behaviors. To obtain this, the necessary practice must be reinforcing. It has to provide positive and well timed feedbacks. It should allow the student to constantly see the progresses he has made. Only in this way we would like to do, study, learn. It is the only way for us all, to  become Great Maestri.

clickers in cerchio

 

________________________________________

[1] The computers’ example is even more precise if we think that all the computers, from the primitive to the modern ones, have their own internal systems that make them work (the biological equivalent of “keep alive”) whose activities iare hidden and invisible: exactly what happens in our brains and body.

[2] To this regard Ted DesMasions wrote an interesting post, which you can find here,

[3] I believe, but it is my personal opinion (and, perhaps, it is wrong) that Maestri’s “natural gifts” were not about drawing and painting, but rather were that “Art” for them was the most reinforcing thing of their life. A passion so deep rooted and strengthened to shape the entire life of Michelangelo, Leonardo, Raphael and many others. Who knows, maybeall was needed wasjust  a particular compliment made by his mother to child Raphael for his first doodle …

Annunci

AUTOMATICO & CREATIVO

Pubblicato: dicembre 20, 2012 in Comportamento, Insegnare, Teaching

città medievaleDurante il Medioevo, e dopo ancora, nel Rinascimento, la differenza tra artista ed artigiano era molto labile. Il tipo di formazione che veniva impartito a un vasaio o a un pittore era, sostanzialmente, uguale. Si entrava in bottega, da un maestro, come apprendisti ancora bambini e vi si rimaneva per un periodo di circa 10 anni. Per 10 anni un apprendista viveva a contatto con gli strumenti e l’arte con cui si sarebbe in seguito guadagnato da vivere. Alla fine dei 10 anni un esame finale stabiliva se l’apprendista poteva fregiarsi del titolo di Maestro ed aprire, così, la propria bottega. Il lungo tirocinio aveva lo scopo di far conoscere tutti gli strumenti, i materiali e le tecniche per usarli. La conoscenza doveva essere acquisita con Maestria. Questo termine indica la conoscenza che va oltre il sapere le cose, quando le risposte a un problema ci vengono “spontanee”, senza un effettivo, consapevole, controllo. Indica soprattutto il possedere fluenza: ovvero saper fare le cose presto e bene.

La nostra mente lavora su due livelli: il primo è un livello (che chiameremo “Inconscio”) per molti aspetti nascosto e comprende tutti i comportamenti che compiamo senza avere su di essi un effettivo controllo: respirare, camminare… Non sappiamo come facciamo a camminare, semplicemente pensiamo che vogliamo andare in un posto e ci andiamo. Il secondo livello (che chiameremo “Conscio”) è quello dove esiste tutto ciò di cui siamo consapevoli. Imparare significa –anche- trasferire comportamenti e conoscenza dal Conscio all’Inconscio, ovvero passare il controllo dei nostri comportamenti alla parte inconscia del cervello. Man mano che impariamo abbiamo bisogno di prestare meno attenzione ai comportamenti. Ci sono diversi vantaggi da questo riversamento di conoscenza:

  •   Disponibilità di Risorse
  •   Velocità d’esecuzione
  •   Migliore memorizzazione
  •   Creatività

Vediamo, velocemente, questi elementi

1-   DISPONIBILITA’ DI RISORSE

Il poter fare le cose automaticamente libera le risorse  cognitive del Conscio che possono così venire impiegate per fare altro, ad esempio parlare con il nostro passeggero mentre stiamo guidando. Dal punto di vista evolutivo i vantaggi dati da questa capacità sono facilmente intuibili. Poter fare due –o più- cose contemporaneamente, concentrando nel frattempo l’attenzione su un particolare garantisce un’alta adattabilità all’ambiente e questo, a sua volta, si traduce in maggiori probabilità di sopravvivenza. E’ accaduto lo

C64_10

Commodore 64… sigh, quanti ricordi.

stesso con i computer. Vi ricordate i primi modelli? Commodore e compagnia? Riuscivano a fare solo una cosa alla volta, un gioco o un programma. Se volevamo cambiare programma dovevamo caricare ciò di cui avevamo bisogno. Adesso i computer possono gestire molti programmi contemporaneamente e, mentre sto scrivendo posso ascoltare della Musica[1].

2-   VELOCITA’ D’ESECUZIONE

I comportamenti sono estremamente più rapidi quando sono automatici. Se camminando inciampiamo, la reazione motoria è veloce abbastanza da farci riprendere l’equilibrio prima di cadere (di solito…). Se dovessimo eseguire la stessa azione coscientemente, i risultati sarebbero piuttosto disastrosi. Tra gli esseri umani, la categoria che più d’ogni altra raggiunge risultati spettacolari, grazie all’automatismo acquisito nei comportamenti sono gli sportivi. Tennisti, calciatori, ginnasti possono esprimere bellezza, armonia e potenza nei loro gesti proprio perché sono competenze acquisite, dopo anni di allenamento, automaticamente. Se proviamo a chiedere a un campione come esegue il suo colpo più spettacolare la risposta, probabilmente, sarebbe un “Non lo so”. I componenti motori sono automatici e pertanto al di là del controllo della coscienza[2].

3-   MIGLIORE MEMORIZZAZIONE

Ricordiamo meglio e più a lungo i comportamenti automatici. Anche se per 11 mesi all’anno non andiamo al mare, per questo non ci dimentichiamo come si nuota. Lo stesso lo possiamo dire per andare in bicicletta o far di conto. Sono cose che non ci dimenticheremo mai dovessero passare anni prima di poter tornare a fare un giro in bicicletta. Automatizzare un comportamento significa: Pratica. Ripetere lo stesso gesto tante, infinite volte. I comportamenti che possediamo automatici hanno avuto questo tirocinio. Sono cose che abbiamo fatto e ripetuto perché ci piacevano erano divertenti o stimolanti. In una parola: Rinforzanti.

4-   CREATIVITA’

Tornando ai nostri Maestri, i grandi artisti del Rinascimento, sono diventati tali grazie all’educazione ricevuta, combinata con doti naturali[3]. Il tirocinio a bottega ha consentito a Leonardo, Raffaello e Michelangelo di imparare con maestria tutto quello che era possibile imparare, dal preparare i colori a reggere pennello o scalpello, dal disegnare al preparare tele, intonaci e marmi. Liberate dal dover controllare questi aspetti della loro arte le risorse cognitive si sono potute esprimere creando -creativamente- opere meravigliose. Senza tirocinio, senza pratica, senza maestria non avremmo nemmeno la Gioconda, La Pietà o la Venere d’Urbino. Al contrario di essere un modo vuoto ed poco creativo di possedere delle competenze l’automatismo dei comportamenti ci permette di creare, con inventiva ed ingegno cose nuove.

la fornarina

La Fornarina di Raffaello

E noi? Automatizzare significa diventare plastici e creativi. Saper fare una cosa sempre presto e bene, in maniera, appunto, automatica permette di liberare le risorse per esprimere le nostre potenzialità cognitive più elevate. Dobbiamo sforzarci di trovare tecniche e metodologie che consentano ad insegnanti ed allievi di poter praticare gesti, azioni e comportamenti. Per ottenere questo la pratica necessaria deve essere necessariamente rinforzante. Deve fornire feedback positivi e tempestivi e deve permettere costantemente all’allievo di vedere i progressi che ha fatto. Solo in questo modo ci piacerà fare, studiare, imparae; solo così potremo, tutti, diventare dei grandi Maestri.

clickers in cerchio


[1]  Il paragone informatico si fa ancora più preciso se pensiamo che tutti i computer da quelli primitivi a quelli moderni  possiedono al loro interno dei sistemi che li fanno funzionare (l’equivalente biologico di “tenere in vita”) la cui attività è nascosta ed invisibile: esattamente quello che accade nei nostri cervelli.

[2] A questo proposito Ted DesMasions ha scritto un interessante post, che potete trovare qui, nella versione in Inglese, o qui nella mia traduzione in Italiano (lettura raccomandata!)

[3] Io credo, ma è una mia personale opinione (e forse sbagliata) che “doti naturali” non fossero la predisposizione al disegno e pittura piuttosto che alla scultura dei Maestri, ma piuttosto il fatto che “Arte” per loro era la cosa più rinforzante della  vita. Una passione talmente profonda, radicata e rinforzante da plasmare l’intera vita dei vari Michelangelo, Leonardo e Raffaello. Chissà, magari è bastato un particolare complimento fatto dalla sua mamma al bambino Raffaello per un primo scarabocchio…