Archivio per febbraio, 2014

Teaching Cues, not behaviors (part 3)

Pubblicato: febbraio 6, 2014 in Uncategorized

CONDITIONED CUES (1)

Third and last part of my post devoted to conditioned cues.

CONDITIONED CUES

We, often, underestimate the interference of environmental factors in the failure of exhibition of well- learned behaviors. Basically, we blame our students for this failure. Alessandro, my son, had, for a while, the habit to talk loudly during our dinners. We tried to change his behavior ,”exchanging” with extra seconds of game on his tablet, every performance of the tag point: “Low voice”. Since “Low voice” is not a quantifiable behavior, before we had established together the meaning of: “Low voice.” Things run smoothly for a while, and we didn’t need to reinforce “Low voice” anymore. But one evening we had as dinner guests Alessandro’s  grandparents and his voice went back to high volume. Even the chance to earn extra game-time didn’t  have any  effect. “Grandparents at dinner” overwhelmed the cue: “At the dinner table” to which the child was responding with “low voice”. New cue, new behavior and, also, new child’s response to reinforcement.”At the dinner table with grandparents” is a different cue, which reinforces a different behavior.

What should we do?  Teaching the cue “At the dinner table” means, in addition to other things (“Sit on the chair”,” Use  knife and fork” etc. etc. ), also: “Low voice” no matter what the environment is. It’s the cue that needs to be taught, not the behavior. It is the cue “At the dinner table” that elicits “Low voice.” To achieve this conditioning practice is required.

 WHAT IS PRACTICE?

Practice is not the mechanical repetition of an action, but the conscious, eventually repeated, execution of an action. If we want to learn how to shoot for the basket, it’s meaningless to throw 100 shots a day, if no one teaches us how  we should throw. This is just a rather sterile trying over and over again. The deliberate practice should aim, in first instance, to learn the components of “Shoot for the basket”, until they become fluent skills. Now, the 100 shots a day, are intended as an exercise in order to maintain fluency in the learned behavior. Kobe Bryant, one of the top players in the NBA, scores 800 baskets per day to maintain his performance level (2).

bryant

800 throws each day…

As sport training develops muscles and skills,” behavioral practice” develops attention to the cues and fluency in the responses. The practice must be intentional, aimed at achieving specific results. Practicing involves both sides of the student-teacher relationship. Students focus their attention to the task, the teacher must be ready to reinforce students’ achievements and to set the right environment where students can have success. Sometimes, it is better to quit. If you are unable to manage a child in a supermarket, or a dog in the presence of a cat, it’s far more effective to avoid putting students in situations where they easily could fail our expectations. These are OUR expectations as teachers, not theirs. The dog or the child in the supermarket, are perfectly comfortable with the behaviors they exhibit given  a specific cue. The responsibility of the practice is up  the teacher.

What could I do to get “Low voice” during ALL our meals? I should -constantly- reinforce all the exhibitions of” Low voice”, in an environment where it is easy to obtain this  behavior,  gradually moving towards more challenging  situations: dinner with the grandparents or in a Pizzeria. In difficult situations I have to generously reinforce the desired behavior and ignore the performances of the opposite behavior. As teacher, I never have to take for granted that a certain level of expertise in a certain environment could be generalized. As the (italian) saying goes ,” You never stop to learn .”

SOLUTIONS: “The Aladdin’s cave” and the “Busy hands” Principles

TAGteach ( Clicker Training works effectively at the same way, with animals) delivers both to teachers and students a common focus point. The tag point clearly indicates what exhibit to a given  cue and strengthens the elicited behavior with surgical precision. Deliberate practice is consciuos repetition of each tag point as many times as are necessary to gain fluency. It is simple, in these conditions, being able to have something to reinforce, rather than the opposite. We can continue to condition our cue even in the presence of new, concurrent stimuli. To return to basketball, we can strengthen a given elbow position before the throw, both when the player is standing and when he is moving or running, pressed by some adversary .

Less simple – but it should not be an excuse for the teacher – to be able to understand when and how the reinforcement work or not.

Alessandro was always rather difficult to manage in the supermarket. Everything in sight on the shelve was good  to be thrown in the cart (especially gloves for dishes washing… See you never know where the Reinforcer can be…). So, instead of trying to stop his desire to splurge I gave him something to focus on, a new cue. First I started granting him some little buying: (you can not get into the Aladdin’s cave and not even put a dime in your pocket … ) usually a small Coke can,or some cheap toys. If you have your hands full holding on something that you enjoy, It’s gonna be more difficult to plunder the shelves. Then we moved on to draw a shopping list. Together, we drew it at home. Together, we have stated that only what was on the shopping list would be buyed (obviously a small Coke was included, following the “Aladdin’s cave” principle ).Finally, we went to the supermarket. Alessandro was holding a pencil and the list: his task was to check off the list as the items went in the cart (a possible tag point is: “Check the List “). The child is empowered and focuses on a specific task: does practice in doing something else. In addition holding the list and the pencil, your hands are busy and can not grab gloves and other things (we can call it the “Busy hands ” principle).To draw the list and check it are aids for the child. In this manner he can deal with the supermarket without “surrendering” to other environmental stimuli. Once you have achieved success and made practice, aids may gradually disappear.

carrello della spesa

TEACHING

What did I really teach to Alessandro? I have not taught: “At the supermarket no tantrum, because we won’t buy anything”.  I taught that the cue “Supermarket” reinforces behaviors such as: “Check the list “,”Buy what ‘s on the list” and “Buy 1 Coke”. “Supermarket” elicits a specific set of behaviors. Everything else is extraneous to, and it is (as any undesirable behavior ) ignored. I can not teach: “You will not touch anything!”; Ogden Lindsley wrote that we can not teach things that even a dead man can do. We have -always- to strive for giving something to do in the presence of a cue. A living being is such, because it is -always- doing something. A stimulus, a cue is such because it gives -always- something to focus on to the brain. If we teachers do not indicate what to do, students will, naturally,  find something to do (3). The brain is designed to pay attention to environmental stimuli. We can not teach not to behave, on the contrary, we can teach what behaviors will be reinforced by a specific cue.

Finally,  We must also be aware that the behavior is not static and fixed, but rather, is fluid and malleable. Sometimes things may not always go as expected. I am ready to buy another pair of gloves…

NOTES

(1) I use “cue” and “stimulus” as synonymous

(2) 10 Years of Silence: How long it took Mozart, Picasso and Kobe Bryant to be Successful

(3) How to Train Your Brain to Stay Focused

Terza e ultima parte del post dedicato ai segnali condizionati.

SEGNALI CONDIZIONATI 

Spesso sottovalutiamo l’ingerenza di fattori ambientali nella mancata esibizione di comportamenti ben appresi. Di questa mancanza diamo, tendenzialmente, la colpa ai nostri allievi.

Alessandro, mio figlio, ha avuto, per un po’ di tempo, la tendenza a parlare ad alta voce durante le nostre cene. Abbiamo cercato di cambiare questo suo comportamento, “pagando” con secondi extra di gioco sul suo tablet ogni esibizione del tag point: “Bassa voce”. Dato che “Bassa voce” non è quantificabile a priori, avevamo stabilito insieme cosa significasse “Bassa voce”. La cosa è andata avanti per un po’ di sere con successo, al punto di non avere più bisogno di rinforzare “Bassa voce”. Ma una sera abbiamo avuto ospiti a cena i nonni di Alessandro e la voce è tornata su registri piuttosto alti. Non solo: nemmeno la possibilità di guadagnare gioco extra è riuscita ad avere qualche effetto. I nonni a cena si sono sovrapposti al segnale, “A tavola a cena” cui il bambino stava rispondendo con “Bassa voce”, modificandolo. Cambiato il segnale, cambiato il comportamento ed anche la risposta del bambino al rinforzo. “A tavola, a cena con i nonni” è un segnale diverso, che rinforza un diverso comportamento.

Cosa si deve fare? Insegnare che il segnale “a tavola a cena” significa, oltre a una serie di cose (“Stare seduti”, “Usare forchetta e coltello” etc. etc.), anche “Si parla a bassa voce”, non importa cosa ci sia intorno. E’ il segnale che deve essere insegnato, non il comportamento. E’ il segnale ” A tavola a cena” che condiziona “Bassa voce”. Per ottenere questo condizionamento ci vuole pratica.

COSA SIGNIFICA FAR PRATICA

Fare pratica non è la meccanica ripetizione di un’azione, ma l’esecuzione consapevole, eventualmente ripetuta, di quest’azione. Se voglio imparare a fare canestro, non serve molto che io faccia 100 tiri al giorno se nessuno m’insegna come devo tirare. Questo è solo un provare e riprovare piuttosto sterile. La pratica intenzionale deve mirare prima all’apprendimento dei componenti del “Tirare a canestro” per arrivare alla loro esecuzione fluente. I 100 tiri al giorno,sono intesi come esercizio per mantenere la fluenza di quanto appreso. Kobe Bryant, uno dei top players della NBA ne fa anche 800 di canestri al giorno per mantenere il suo livello di performance (1).

bryant

Kobe Bryant… 800 canestri al giorno per rimanere un top player

Come la pratica sportiva sviluppa muscoli e competenze, la “pratica comportamentale” sviluppa attenzione ai segnali e fluenza nelle risposte. La pratica deve essere intenzionale, mirata al raggiungimento di un risultato specifico e il suo esercizio coinvolge tutte e due le parti della relazione allievo-insegnante. L’allievo focalizza la propria attenzione su quello che gli viene richiesto, l’insegnante deve essere pronto a rinforzare i risultati dell’allievo e preparare il giusto ambiente dove l’allievo possa avere successo. Ci sono anche casi in cui è meglio lasciar perdere. Se non si riesce a tenere a freno un bambino dentro un supermercato, o un cane in presenza di un gatto, meglio evitare di mettere gli allievi in situazioni in cui facilmente falliranno le nostre aspettative. Sono nostre aspettative, non loro. Il cane, o il bambino al supermercato, sono perfettamente a loro agio con i comportamenti che un certo segnale fa loro esibire. La responsabilità della pratica è dell’insegnante.

Cosa potrei fare per ottenere “bassa voce” durante TUTTI i nostri pasti? Rinforzare costantemente tutte le emissioni di “bassa voce” in un ambiente dove sia facile ottenere questo e muovere gradualmente verso situazioni più difficili: cena con i nonni o in Pizzeria. Nelle situazioni difficili devo stare attento di rinforzare con generosità il comportamento e di ignorare le esibizioni del comportamento opposto. Come insegnante non devo mai dare per scontato che un certo livello di competenza in un certo ambiente possa essere generalizzato. Come dice il proverbio: “Non si smette mai d’imparare”.

SOLUZIONI. I principi della “Grotta di Aladino” e delle “Mani occupate”.

Il TAGteach (il Clicker Training funziona efficacemente allo steso modo) consegna ad insegnante ad allievo un punto d’attenzione (il tag point) su cui concentrare l’attenzione. Il tag point indica chiaramente cosa esibire dato un certo segnale e con precisione chirurgica lo rinforza. La pratica consapevole fa ripetere ciascun tag point tante volte quante ne sono necessarie per acquisire con fluenza l’esibizione del comportamento. Diventa semplice in queste condizioni riuscire a rinforzare qualcosa, piuttosto che il contrario. Possiamo continuare a condizionare il nostro segnale anche in presenza di nuovi, concomitanti stimoli. Per tornare al Basket posso rinforzare una determinata posizione del gomito prima del tiro, sia quando il giocatore è fermo, sia quando si sta muovendo, pressato da qualche avversario.

Meno semplice -ma non deve essere una giustificazione per l’insegnante- riuscire a capire quando e come, il rinforzo funzionerà o meno.

Sempre Alessandro era piuttosto difficile da gestire al supermercato. Qualsiasi cosa in vista sugli scaffali andava bene per essere messa nel carrello (soprattutto guanti lavapiatti… Vedete? Non si può mai sapere dove si trovi il Rinforzo…)- Per cui anziché cercare di bloccare la sua voglia di spese folli ho dato qualcosa su cui concentrarsi, un nuovo segnale. Per prima cosa ho iniziato a prendere una piccola cosa per lui (non puoi entrare nella grotta di Aladino e non metterti in tasca nemmeno una monetina…) una Coca Cola piccola o un piccolo pacchetto di patatine. Se hai le mani impegnate a tenere in mano una cosa che ti piace, farai più fatica a prendere dell’altro dagli scaffali. Poi siamo passati alla fase lista della spesa. Insieme abbiamo disegnato, a casa, la lista della spesa. Insieme abbiamo dichiarato che si prendeva solo quello che c’era sulla lista della spesa (ovviamente, secondo il principio della “Grotta di Aladino nella spesa era compresa la piccola Coca Cola).

Infine, siamo andati a fare la spesa. Alessandro aveva in mano il foglio della lista e pennarello: il suo compito era quello di spuntare la lista man mano che i prodotti finivano nel carrello (possibile tag point: “Spunta la lista”). Il bambino, in questo modo, viene responsabilizzato e si concentra su uno specifico compito: fa pratica nel fare qualcos’altro, Inoltre con lista e pennarello in mano, le mani sono occupate e non possono afferrare guanti e altre cose. Disegnare la lista, spuntarla sono aiuti per il bambino che può in questo modo affrontare il supermercato senza “cedere” agli altri stimoli ambientali. Una volta ottenuto il successo e fatto pratica, gli aiuti possono, progressivamente, scomparire.

carrello della spesa

INSEGNARE

Cosa ho veramente insegnato? Non ho insegnato: “Al supermercato niente capricci perché tanto non si prende niente”. Ho insegnato che il segnale “Supermercato” rinforza comportamenti quali: “scrivere la lista”; “prendere quello che c’è sulla lista” e “prendere 1 Coca Cola”. “Supermercato” condiziona una serie precisa di comportamenti. Tutto il resto esula dal contesto e viene (come ogni comportamento indesiderato) ignorato. Non posso insegnare “non si prende niente”; Ogden Lindsley diceva che non si possono insegnare cose che un morto può fare. Sempre, devo cercare di dare qualcosa da fare in presenza di un segnale. Un essere vivente è tale perché sta facendo qualcosa. Uno stimolo, un segnale è tale perché da qualcosa da fare al cervello. Se noi insegnanti non indichiamo cosa da fare, l’allievo troverà, naturalmente, qualcosa da fare (2). Il cervello è creato per prestare attenzione agli stimoli ambientali. Non possiamo insegnare a non fare, al contrario, possiamo insegnare quali comportamenti verranno rinforzati da un determinato segnale.

Dobbiamo anche essere consci del fatto che il comportamento non è statico e fisso; piuttosto è fluido e malleabile. Qualche volta le cose possono non andare come sono sempre andate. Io sono sempre pronto a comprare un altro paio di guanti.

NOTE:

(1) 10 Years of Silence: How long it took Mozart, Picasso and Kobe Bryant to be Successful

(2) How to Train Your Brain to Stay Focused