Archivio per la categoria ‘Teaching’

L’ ambiente ci bombarda di stimoli. Impariamo a rispondere a questi stimoli o per lo meno a quelli rilevanti, importanti per la “sopravvivenza”, attraverso l’esibizione di determinati comportamenti. In classe si sta –sperabilmente– seduti, in palestra ci si allena, nel campo di agility salti (effettivamente è il cane a saltare) gli ostacoli.

L’apprendimento consiste nell’imparare quale comportamento esibire, date certe condizioni: potremmo chiamare queste condizioni segnali. I comportamenti diventano condizionati a questi segnali. Quando batto sulla tastiera, ho imparato che per ottenere la lettera “A”, che ho imparato a sua volta rappresenta il suono “a”, devo battere un certo tasto <A>.

Una tastiera... quanti segnali da discriminare!

Una tastiera… quanti segnali da discriminare!

Non imparo a battere il tasto: imparo in quali condizioni battere il tasto <A> funziona e viene –quindi– rinforzato. Se voglio scrivere “CASA”, ho due suoni “A” che rinforzano il battere il tasto <A>. Se invece di <A> battessi <E> otterrei “CESE” parola che non ha senso nella mia lingua e che non mi porterebbe nessun rinforzo. Anche il mio cane Akira sa battere su una tastiera, quello che non sa e non potrà mai saper fare, date le sue competenze fisico cognitive è discriminare il significato di battere <A> .(Potrei modellare il comportamento, ma, per il cane, questo non avrà mai il significato che potrà avere per una persona.) Senza disturbare il mio border, che dopo la passeggiata quotidiana dorme beato, anche mio figlio a 5 anni e mezzo sa “battere” sulla tastiera. E’ anche capace di mandare SMS ai suoi cugini più grandi: “AIHHIHEEEEEE4444FDFFFF   FFFFFFFFFFFFFFHJH” che significa “Ciao, come stai?”

Quale competenza deve apprendere il bambino?  Non il comportamento di battere sui tasti –quello lo sa già fare– ma discriminare quando battere la <A> funziona ovvero verrà rinforzato. In altre parole, deve imparare a scrivere.

Di nuovo, non si tratta di insegnare delle nuove capacità fisiche o motorie. Questi o sono presenti nel repertorio dell’individuo o non lo sono e non possono, pertanto venire insegnati. Sono cose che vengono “naturalmente” con lo sviluppo psico-fisico-cognitivo della persona in un ambiente naturale e normale. Il patrimonio genetico si attiva progressivamente durante tutta la vita, per assicurare in ogni momento le migliori risorse comportamentali e di conseguenza le migliori probabilità di sopravvivenza. Questo patrimonio di comportamenti viene modellato dall’ambiente che seleziona sia quali comportamenti resteranno, sia quando questi dovranno essere esibiti. Se gioco a calcio so che è opportuno indossare la divisa per una partita; lo stesso comportamento “indossa la divisa” non verrà rinforzato per un incontro galante. Il comportamento è uguale; ciò che cambia sono i segnali. La partita è il segnale che, quando si presenta, è la condizione per cui l’indossare la divisa ha senso, o meglio sarà rinforzato. Ma l’indossare in sé e per sé non viene insegnato: o si è biologicamente in grado di indossare la divisa o non lo si è. Per questo motivo non potrò mai insegnare ad Akira a mettersi –da solo– i pantaloncini: gli mancano le giuste articolazioni, le dita opponibili etc. etc. Inoltre gli manca la competenza cognitiva per discriminare l’”utilità” di indossare i pantaloncini.

Quello che viene insegnato è il condizionamento del comportamento a usemaforono specifico segnale. Per questo motivo dobbiamo prestare la massima attenzione che nell’ambiente d’apprendimento in cui ci troviamo ad operare non siano presenti altri segnali che possono distrarre o confondere l’allievo. Se insegno un target mano a un cane, il segnale che do, presentando la mano deve essere assolutamente consistente, come lo è un semaforo rosso. Immaginate cosa potrebbe capitare se i semafori agli incroci fossero di dimensioni o colori leggermente diversi: verde smeraldo o verde acido più o meno grandi… Quanti incidenti?

Un segnale che condiziona il comportamento è sempre presente per insegnare. Lo shaping non è insegnare a incrementi graduali un certo comportamento, ma, piuttosto è condizionare, per incrementi graduali, un determinato segnale.

 

Annunci

AUTOMATIC AND CREATIVE

Pubblicato: dicembre 21, 2012 in behaviour, Teaching

città medievaleDuring the Middle Ages, and later still, in the Renaissance, the difference between artist and craftsman was very subtle. The training a potter or a painter received was, essentially, the same. Very young, still a child, you were sent to a Maestro,  as apprentice; you were supposed to stay and study, there, for a period of about 10 years. For 10 years an apprentice lived  close to the tools and the art with which later, he would had earned a living. At the end of the established time, a final examination was required before the apprentice could claim the title of Master and open,  his own workshop. The long training aimed to develop knowdlege of every tool, material and technique required to a Maestro. This knowledge needed to be acquired with Mastery. This term refers to the knowledge that goes beyond to the simple “know how to do” the things. It refers to circumstances when the answers to a problem  arouse “spontaneously” without an actual, conscious control. Primarily indicates the possession of Fluency: the skill to do things quickly and well.

brain 3d grid 2Our minds work on two levels: the first level (which we call “Unconscious”) is hidden in many respects, andit  includes all the behaviors over which we do not have effective control: breathing, walking … We do not know how to walk, simply we think that we want to go to a place and… we go. The second level (which we call “Conscious”) is where lives everything we are conscious of. Learning means -also-to transfer behavior and knowledge from the Conscious to the Unconscious; to give  control of our behaviors to the unconscious part of the brain. The more we learn the less we need to pay  attention to our behaviors. There are several advantages to this outpouring of knowledge:

• Availability of resources

• Speed ​​of execution

• Improved memorization

• Creativity

Let’s see, quickly, these elements.

 

1 – AVAILABILITY OF RESOURCES

The ability of doing things automatically, frees cognitive resources of Consciousness which can be used for other things, such as talking with our passengers while we’re driving. From an evolutionary  point of view, the advantages  -from this ability- are obvious. Being able to perform two-or more- behaviors at once, meanwhile focusing to something else, ensure high adaptability to the environment and this, in turn, means a better chance of survival. The same thing has happened to Computer. The first ones, like Commodore 64,C64_10 could manage one thing at a time, one game or one program. If we wanted to change program had to charge the data what we need. Nowadays, computers can easily handle several programs at once, and as I’m writing I can hear the music. [1]

2 – SPEED IMPLEMENTING

Behaviors are extremely faster when they are automatic. If meanwhile we’re walking we stumble, the motor reaction is fast enough to make we regain our balance before falling (usually …). If we were to perform the same action consciously, the results would be quite disastrous. Among humans, the category that achieves the more spectacular results than any other, thanks to the automatism acquired in behaviors are athletes. Tennis players, football players, gymnasts can express beauty, harmony and power in their actions because they have developed after years of training automatic (uncouscious) skills. If we try to ask to a top performer how he does his most spectacular blow, the answer, probably, would be a “I do not know”. The motor skills are automatic and, therefore, beyond the control of consciousness [2].

3 – BEST STORAGE

We Remember better and longer  automatic behaviors. Although for 11 months a year I do not go to the beach, either we do not forget how to swim. The same we can say for cycling or arithmetic. These are things that we will never forget, it doesn’t matter how many years have to pass before you ride  a bicycle again. To automate behavior means: Practice. To repeat the same action many, many times. The behaviors that go unconsciously have had this kind of training. These are things we have done and repeated because we liked them and found them fun or exciting. In a single word: Reinforcing.

4 – CREATIVITY

Back to our Maestri, the great artists of the Renaissance, have become such thanks to education, combined with natural talent [3]. The training in the workshops allowed Leonardo, Raphael and Michelangelo to learn with skill everything was possible to learn: how prepare the colors; how to hold a brush or a chisel, how to prepare canvas, plasters and marbles. Freed from the control of those aspects of their art, Maestri’s cognitive resources  were available for creativity that they express creating wonderful masterpieces. Without training, without practice, without skills we would not have the Mona Lisa, the Piety or the Venus of Urbino. To have automatic skills is not opposed to creativity. The opposite is true: the automatic behavior allows us to create, with wit and inventive, new things.la fornarina

What about us that we are not Michelangelo or Leonardo? Automatic means to become plastic and creative. Knowing how to do something more quickly and well, in fact, it frees the resources to express our higher cognitive potential. We must strive to find techniques and methodologies that enable teachers and students to practice gestures, actions and behaviors. To obtain this, the necessary practice must be reinforcing. It has to provide positive and well timed feedbacks. It should allow the student to constantly see the progresses he has made. Only in this way we would like to do, study, learn. It is the only way for us all, to  become Great Maestri.

clickers in cerchio

 

________________________________________

[1] The computers’ example is even more precise if we think that all the computers, from the primitive to the modern ones, have their own internal systems that make them work (the biological equivalent of “keep alive”) whose activities iare hidden and invisible: exactly what happens in our brains and body.

[2] To this regard Ted DesMasions wrote an interesting post, which you can find here,

[3] I believe, but it is my personal opinion (and, perhaps, it is wrong) that Maestri’s “natural gifts” were not about drawing and painting, but rather were that “Art” for them was the most reinforcing thing of their life. A passion so deep rooted and strengthened to shape the entire life of Michelangelo, Leonardo, Raphael and many others. Who knows, maybeall was needed wasjust  a particular compliment made by his mother to child Raphael for his first doodle …

AUTOMATICO & CREATIVO

Pubblicato: dicembre 20, 2012 in Comportamento, Insegnare, Teaching

città medievaleDurante il Medioevo, e dopo ancora, nel Rinascimento, la differenza tra artista ed artigiano era molto labile. Il tipo di formazione che veniva impartito a un vasaio o a un pittore era, sostanzialmente, uguale. Si entrava in bottega, da un maestro, come apprendisti ancora bambini e vi si rimaneva per un periodo di circa 10 anni. Per 10 anni un apprendista viveva a contatto con gli strumenti e l’arte con cui si sarebbe in seguito guadagnato da vivere. Alla fine dei 10 anni un esame finale stabiliva se l’apprendista poteva fregiarsi del titolo di Maestro ed aprire, così, la propria bottega. Il lungo tirocinio aveva lo scopo di far conoscere tutti gli strumenti, i materiali e le tecniche per usarli. La conoscenza doveva essere acquisita con Maestria. Questo termine indica la conoscenza che va oltre il sapere le cose, quando le risposte a un problema ci vengono “spontanee”, senza un effettivo, consapevole, controllo. Indica soprattutto il possedere fluenza: ovvero saper fare le cose presto e bene.

La nostra mente lavora su due livelli: il primo è un livello (che chiameremo “Inconscio”) per molti aspetti nascosto e comprende tutti i comportamenti che compiamo senza avere su di essi un effettivo controllo: respirare, camminare… Non sappiamo come facciamo a camminare, semplicemente pensiamo che vogliamo andare in un posto e ci andiamo. Il secondo livello (che chiameremo “Conscio”) è quello dove esiste tutto ciò di cui siamo consapevoli. Imparare significa –anche- trasferire comportamenti e conoscenza dal Conscio all’Inconscio, ovvero passare il controllo dei nostri comportamenti alla parte inconscia del cervello. Man mano che impariamo abbiamo bisogno di prestare meno attenzione ai comportamenti. Ci sono diversi vantaggi da questo riversamento di conoscenza:

  •   Disponibilità di Risorse
  •   Velocità d’esecuzione
  •   Migliore memorizzazione
  •   Creatività

Vediamo, velocemente, questi elementi

1-   DISPONIBILITA’ DI RISORSE

Il poter fare le cose automaticamente libera le risorse  cognitive del Conscio che possono così venire impiegate per fare altro, ad esempio parlare con il nostro passeggero mentre stiamo guidando. Dal punto di vista evolutivo i vantaggi dati da questa capacità sono facilmente intuibili. Poter fare due –o più- cose contemporaneamente, concentrando nel frattempo l’attenzione su un particolare garantisce un’alta adattabilità all’ambiente e questo, a sua volta, si traduce in maggiori probabilità di sopravvivenza. E’ accaduto lo

C64_10

Commodore 64… sigh, quanti ricordi.

stesso con i computer. Vi ricordate i primi modelli? Commodore e compagnia? Riuscivano a fare solo una cosa alla volta, un gioco o un programma. Se volevamo cambiare programma dovevamo caricare ciò di cui avevamo bisogno. Adesso i computer possono gestire molti programmi contemporaneamente e, mentre sto scrivendo posso ascoltare della Musica[1].

2-   VELOCITA’ D’ESECUZIONE

I comportamenti sono estremamente più rapidi quando sono automatici. Se camminando inciampiamo, la reazione motoria è veloce abbastanza da farci riprendere l’equilibrio prima di cadere (di solito…). Se dovessimo eseguire la stessa azione coscientemente, i risultati sarebbero piuttosto disastrosi. Tra gli esseri umani, la categoria che più d’ogni altra raggiunge risultati spettacolari, grazie all’automatismo acquisito nei comportamenti sono gli sportivi. Tennisti, calciatori, ginnasti possono esprimere bellezza, armonia e potenza nei loro gesti proprio perché sono competenze acquisite, dopo anni di allenamento, automaticamente. Se proviamo a chiedere a un campione come esegue il suo colpo più spettacolare la risposta, probabilmente, sarebbe un “Non lo so”. I componenti motori sono automatici e pertanto al di là del controllo della coscienza[2].

3-   MIGLIORE MEMORIZZAZIONE

Ricordiamo meglio e più a lungo i comportamenti automatici. Anche se per 11 mesi all’anno non andiamo al mare, per questo non ci dimentichiamo come si nuota. Lo stesso lo possiamo dire per andare in bicicletta o far di conto. Sono cose che non ci dimenticheremo mai dovessero passare anni prima di poter tornare a fare un giro in bicicletta. Automatizzare un comportamento significa: Pratica. Ripetere lo stesso gesto tante, infinite volte. I comportamenti che possediamo automatici hanno avuto questo tirocinio. Sono cose che abbiamo fatto e ripetuto perché ci piacevano erano divertenti o stimolanti. In una parola: Rinforzanti.

4-   CREATIVITA’

Tornando ai nostri Maestri, i grandi artisti del Rinascimento, sono diventati tali grazie all’educazione ricevuta, combinata con doti naturali[3]. Il tirocinio a bottega ha consentito a Leonardo, Raffaello e Michelangelo di imparare con maestria tutto quello che era possibile imparare, dal preparare i colori a reggere pennello o scalpello, dal disegnare al preparare tele, intonaci e marmi. Liberate dal dover controllare questi aspetti della loro arte le risorse cognitive si sono potute esprimere creando -creativamente- opere meravigliose. Senza tirocinio, senza pratica, senza maestria non avremmo nemmeno la Gioconda, La Pietà o la Venere d’Urbino. Al contrario di essere un modo vuoto ed poco creativo di possedere delle competenze l’automatismo dei comportamenti ci permette di creare, con inventiva ed ingegno cose nuove.

la fornarina

La Fornarina di Raffaello

E noi? Automatizzare significa diventare plastici e creativi. Saper fare una cosa sempre presto e bene, in maniera, appunto, automatica permette di liberare le risorse per esprimere le nostre potenzialità cognitive più elevate. Dobbiamo sforzarci di trovare tecniche e metodologie che consentano ad insegnanti ed allievi di poter praticare gesti, azioni e comportamenti. Per ottenere questo la pratica necessaria deve essere necessariamente rinforzante. Deve fornire feedback positivi e tempestivi e deve permettere costantemente all’allievo di vedere i progressi che ha fatto. Solo in questo modo ci piacerà fare, studiare, imparae; solo così potremo, tutti, diventare dei grandi Maestri.

clickers in cerchio


[1]  Il paragone informatico si fa ancora più preciso se pensiamo che tutti i computer da quelli primitivi a quelli moderni  possiedono al loro interno dei sistemi che li fanno funzionare (l’equivalente biologico di “tenere in vita”) la cui attività è nascosta ed invisibile: esattamente quello che accade nei nostri cervelli.

[2] A questo proposito Ted DesMasions ha scritto un interessante post, che potete trovare qui, nella versione in Inglese, o qui nella mia traduzione in Italiano (lettura raccomandata!)

[3] Io credo, ma è una mia personale opinione (e forse sbagliata) che “doti naturali” non fossero la predisposizione al disegno e pittura piuttosto che alla scultura dei Maestri, ma piuttosto il fatto che “Arte” per loro era la cosa più rinforzante della  vita. Una passione talmente profonda, radicata e rinforzante da plasmare l’intera vita dei vari Michelangelo, Leonardo e Raffaello. Chissà, magari è bastato un particolare complimento fatto dalla sua mamma al bambino Raffaello per un primo scarabocchio…

UNBEARABLE UNCERTAINTY

Pubblicato: novembre 20, 2012 in behaviour, Teaching

A few days ago I was walking with my dogs. When we are in the county my feet follow the path and my mind takes trips. So I think a lot and “chew” a lot. Pay attention, not every time there are large and deep thoughts, indeed. Almost every time my thoughts are tuned to “generic”, but sometimes I have some good flash.

A few days ago, I had one of these thoughts and I’ve decided to share it with you. Since when I’m working in education and teaching I’ve always found nasty what scientific books wrote about  punishment and reinforcement [1]. I do like the main definition of reinforcement (it is “an event that increases the frequency of a given behavior”) the definition of punishment just pissed me: “it is an event that decreases the likelihood of a given behavior to reoccur”. The “Likelihood” bothered me, leaving some doubt that, some time, in some way, it could work. Like leaving a door slighlty, almost an invitation or justification. “Look, if you want to try … it might just work.”

Parentheses. I have the proof that punishment does not work. Never. A month ago I experienced something “heavy”. I’ve teached as substitute, for two weeks in our middle school (children aged 10-14). With the older ones I succumbed to temptation, that small opening that “decreases the likelihood…” I wrote a couple of reprimands. Obviously the boys have quietly ignored my “punishment”, so I found myself with no more weapons for control their behaviors. When you shoot the bigger nuke than you have, or you have won the war or you have  lost.it.  I have lost my war, and the sense of helplessness that this defeat gave me was a bad load to carry on for few days.

A few days ago I realized that, sometimes, what works in punisment (hence the “reduce the likelihood …”), it isnot the event itself, but the effectst it leaves later.

Let me explain.

When we take a fine for over-speeding, we are punished for exceeding the speed- limit. What makes us go slowly, after the fine, it is not the fine itself, but it is the memory of the fine which negatively reinforces our going slow (negative reinforcement = give something you do not like to increase the likelihood of a behavior). That is. as long as I have in mind the memory of the fine I will respect the limits. As memory begins to loosen its grip, and my rushing through the streets gets stronger day by day, since, at least statistically,I  will not meet other  patrols, the punishment has no longer any effect. In practice I have not learned.

I’m not sure, but my suspicion is this: that the “collateral” effects, that we all know, arising from the use of punishment (anxiety, stress, behavior problems etc etc) are derived from this after-effect during which the punishment, while no longer existing, continues to exert its influence and the subject is torn between the desire to do something, and the memory of the punishment itself. The problem may be that the negative reinforcement is only a mental image, while the rushing with the car  is a true Reinforcement, tangibly present in my “here and now”? Let me clarify. One thing is to use negative reinforcement to increase the frequency of a behavior, such as pulling  the reins to turn horse’s head. But, in this case, there is contingency between the two physical actions “pull” and “turn”. There is, in fact, a direct flow of information. At every moment the horse may decide to turn her heads and stop the pulling. The receiver has an active role [2].

In the case of punishment, the receiver has no active role. Those who suffer the punishment can not do anything to avoid it. The fine unlike the rein does not give me anything to do but … pay. The next effect is that until I’ll remember the fine,I’ll slow down for a while my speed. In the case of punishment, there is no information flowing, and I’m alone,  fighting between increasing my speed (positive reinforcement) and the risk of taking a second fine (negative reinforcement). The concomitant presence of the two types of reinforcements leads to confusion, stress and uncertainty. From my point of view, uncertainty, or the lack of clear information is the worst thing that can happen to someone who is-or should be-learning something. In the presence of a stimulus, the  learning how to handle it it is an absolute priority.

Back for a moment to my experience in school. This lack of information in the punishment becomes even more evident. Pupils’s life has not changed after my reprimands: my enforcement , late behavior had since long lost its effectiveness when there are no left  “negative reinforcement ghost” to regulate pupils’ behavior. In other words, if the punishment is not scary  for the receiver there is no more chance for any kind behavioral  change [3].

Bacteria: they still have to learn…

I am a supporter of the concept of homeostasis, as theorized by Antonio Damasio. Homeostasis is nothing more than the ideal balance (ideal, because it is never reached) towards which all functions and settings of body [4] go: body glucose levels, indoor and outdoor temperature, blood oxygenation, heart rate etc etc. For each stimulus, external or internal, which reaches and affects our body, our regulatory mechanisms work so that the parameters of homeostasis remain within the limits where life is still possible. Enlarging this concept, even the brain mechanisms, aimed at learning, fit within available tools homeostasis management. When an external stimulus unbalances my homeostasis (for example,during  a diner someone who   asks me to pass the salt [5]), my body tries to regain his balance by using the appropriate strategies (passing the salt, for example). In this process of imbalance I had the opportunity to respond with a precise action and, therefore, to learn.

Learning is a must of evolution: the more I learn, the more I can manage the environment and increase the chances of passing my genes to future generations. In nature, the punishment does not exist, all the behaviors even the most coercive are expressions of negative reinforcement.

The use of punishment does not allow us to learn and, to a stimulus that unbalances my balance, I have no possibility to answer: we are, in fact, powerless. From here all the deleterious effects that result from the use of punishment.

An alternative to fines? Here it is: http://www.youtube.com/watch?v=iynzHWwJXaA

The fun-really-can change the behavior!

[1] My opinion of Reinforcement and Punishment are described in the post “Teaching”

[2] I’m not a fan of negative reinforcement used as only tool for education or training. I know that positive reinforcement allows me to get better results, faster, and longer. That said, correctly applied the negative reinforcement can be an effective aid to the positive reinforcement, as brilliantly demonstrates, for example, the work of Alexandra Kurland (http://www.theclickercenter.com/ if you are interested in

[3] Karen Pryor in “Do not shoot the dog!” Writes that there is only one type of punishment, that, absolutely and scientifically, works: extinction. For example, the extinction (killing or abandonment) of the barking  dog certainly solves the problem of barking.

[4] I use the word “body” as indicating the unity of mind, internal control mechanisms and the actula physical body.

[5] I still used the example “of the pass the salt” in the post: “Teaching”, which contains some complementary concepts to this post. So, if you want to know more …

All our lives long, we are constantly learning and teaching. As soon as we interact with other individuals (both people or animals) we are going to change their and our behaviors: that’s the true meaning of the word “teaching”. We accomplish this by unbalancing our party through the stimuli that we present in order to get the desired behavior. We don’t realize it, but our activities are a continuous, single and life long lasting process of teaching and learning.  I Can use different methods and techniques to achieve this result: from the most kind and compassionate to the most coercive and negative. When I started my own experience as Clicker Trainer I was taught that we can choose from four different types of tools:

R + (Positive Reinforcement): the delivering of  something desiderable to  increases the emission of a given behavior. The dog sits, the dog receives food.

R-(Negative Reinforcement): the delivering of something that the subject does not want –aversive- increases the frequency of a given behavior. Kick the horse’s flanks to make it move (of course I should stop when I get what I want).

P + (Positive Punishment): the delivering of something that the subject does not want with the intent to decrease the frequency emission of a given behavior. Beat the dog because he peed the carpet.

P- (Negative Punishment): take away something that the subject wishes to decrease the frequency of emission of a given behavior. Tonight Sam will not watch the TV because he went home lately after school.

A reinforcer is an event that occurs during the behavior; the subject performing the behavior may or may not receive or avoid changing its own behavior. If the horse takes a step he is no longer kicked. The choice is up to the subject: he/she is the one who decides to operate his/her behavior according to its consequences (hence the definition “operant conditioning”). Punishment, on the other side, takes place after the behavior and the subject cannot avoid it, but only endure. Sam can only not watch TV tonight, and the dog cannot help but be beaten because the carpet is wet. I’m not dividing between more or less coercive behaviors. A lady told me tonight thats he slapped lightly her dog because he flew away. I’m sure the slap was really light, but it was still a punishment. In this case, even a simple “bad dog!” would be labeled as punishment.

My opinion is this: since it happens after the behavior, and has no educational significance to the recipient (the dog has learned not to pee?) we can get rid of punishment from our choice of useful tools for teaching. Let’s leave the punishment to the role -sometimes legitimate, as in the case of the lady- vent of our frustration for not being able to change the behavior of the subject according to our wishes. A this point are left with R + and R-. We could then assume the learning process, not as a cross divided between reinforcements and punishments as described,  but as a flowing continuum. In the middle we have our students with  R + and R – to the sides. Task of us teachers is to keep as much as possible our student in the central zone that is where  optimal learning happens, correcting the course through the two reinforcements. We must be cautious in the use of reinforcements since their misuse can unbalance the behavior of our student and keep it away from our area of ​​learning.

 “Could you pass me the salt?” is a stimulus that unbalances the balance of the person we are addressing to. As  easiest way to get her balance back he/she has to performe the required behavior: to pass the salt. Our “thank you” works as reinforcement (happens during the behavior) and indicates that we got what we wanted. The person who has passed the salt understands that you are satisfied, regaining in this way his/her balance. In this example, our request (our teaching) has minimally skewed balance (probably the person to whom we turned to will not even raise his head from the dish) and everything went smoothly.

My parents went on holiday in Poland. Of course, they do not speak Polish and, of course, they had some difficulties with the language. A simple ” Podaj mi sól, proszę?” is a demand (we can call it stimulus) rather unbalancing: when we do not understand a request we employ all our resources to try to understand and this is pretty overbalancing. If this situation should last for a long period there might be serious consequences. When we can no longer rely on the language, we find ourselves in the same condition in which we are when we work with animals.

 Imagine being invited to dinner in Poland.  A diner asks you, “Podaj Mi Sol, prosze?” You try to understand what you are asked and you move a little, nervous, in the chair. The diner gets angry and slams his fists yells at you “Podaj Mi Sol, prosze?”. You’re in panic! What the hell do he wants from you? Why he’s getting angry? You try to stand up and he gets angry even more, he threatens you, screams etc etc. You try something, there’s some water on the table. you pass the water and hew completely freaks out: he grabs you by the shoulders, shaking and yelling his: ” Podaj Mi Sol, prosze?”. Somehow you understand that the diner’s behavior has something to do with the table … but you are out of your spirits, frustrated and angry. You get out coarsing to the diner and slamming the door. In the meanwhile the diner turnes to other guests saying, “osoba leniwa the nieinteligentny …”

What happened? Simply that the stimulus that you faced  with was too unbalancing and you have decided to quit. Wouldn’t it be better if your diner should have shaped your behavior instead of screaming’? Using  kind words and affably signaling and marking your progress toward what he wanted and keeping silent about your not successfully attempts. Relax and calm you would understand what he wanted and you would have learned your first words in the new language.

As you can see the first situation is a metaphor for teaching coercive, based on punishment and negative reinforcement, the second is a positive teaching based on positive reinforcement. Where were you better? Where do you think your son, your coworker or your dog would do better? As long as we can keep our learnes inside the understanding zone we are provide them with the perfect environment for a safe learning, and this will make us great teachers.

THANKS TO:

The concepts of “understanding zone” and teaching as a flowing continuum are gift from Les Kiger. Yu can find Les’s  thoughts here: http://equuality.com/blog/

The idea that we, as teachers, are deliberately unbalancing our students is a gift from Ted DesMaisons. Ted share his thoughts here: http://tedwordsblog.com/

Impariamo ed insegniamo costantemente nella nostra vita: nel momento in cui interagiamo con altri individui (persone od animali) andiamo a modificare il loro e nostro comportamento. In questo consiste, secondo la mia opinione, il vero significato della parola “insegnare”. Facciamo questo  sbilanciando l’equilibrio psicofisico del nostro interlocutore con gli stimoli che gli presentiamo allo scopo di ottenere il comportamento desiderato. Non ce ne rendiamo conto ma la nostra vita è un continuo, unico che dura tutta la vita insegnare ed imparare. Posso usare diversi metodi e tecniche per ottenere questo: dalle più gentili e compassionevoli alle più brutali e negative. Quando ho iniziato il mio percorso mi è stato insegnato che esistono 4 tipologie di strumenti:
R+ (Rinforzo Positivo): do qualcosa che il soggetto desidera e aumenta -di conseguenza- l’emissione di un comportamento. Il cane si siede, il cane riceve cibo.
R- (Rinforzo Negativo): do qualcosa che il soggetto non desidera o trova avversivo aumentando la frequenza di emissione di un comportamento. Calcio con i piedi i fianchi del cavallo per farlo muovere (ovviamente smetto quando ottengo quello che desidero).
P+ (Punizione positiva): do qualcosa che il soggetto non desidera per diminuire la frequenza di emissione di un comportamento. Picchio il cane perchè ha fatto la pipì sul tappeto;.
P- (Punizione negativa): tolgo qualcosa che il soggetto desidera per diminuire la frequenza di emissione di un comportamento. Stasera Luigino non vede la Tv perché è tornato a casa tardi da scuola.
Un rinforzo è un evento che avviene sul comportamento che il soggetto può o meno ricevere o evitare modificando il suo comportamento. Il cavallo si muove e non viene più calciato. La scelta è del soggetto: è lui che opera, modificando il proprio comportamento in base alle sue conseguenze (da qui, condizionamento operante) La punizione al contrario, avviene dopo il comportamento e il soggetto non la può evitare, ma solo subire. Luigino non può far altro che non vedere la TV questa sera e il cane non può far altro che ricevere le botte perché il tappeto è bagnato. Attenzione non sto dividendo tra comportamenti pù o meno coercitivi. Una signora, stasera mi ha detto di aver dato una pacca leggera sul sedere del cane perché era scappato. Sono sicuro che la pacca fosse leggera, ma era comunque una punizione. In questo caso anche un semplice “brutto cane!” sarebbe equivalso a una punizione.
La mia opinione è questa: dal momento che avviene dopo il comportamento e che di fatto non ha significato educativo per chi la riceve  (il cane ha imparato a non abbaiare?) possiamo eliminare la punizione dalla nostra serie di strumenti utili per insegnare. Releghiamola al ruolo di –talvolta legittimo, come nel caso della signora- sfogo della nostra frustrazione per non essere riusciti a modificare il comportamento del soggetto secondo i nostri desideri. A questo punto rimangono R+ e R-. Potremmo allora ipotizzare il processo di apprendimento non più come una croce fatta da Rinforzi e Punizioni come abbiamo visto all’inizio ma come un continuum con in mezzo il nostro allievo e ai lati R+ e R-. Compito di noi insegnanti è quello di mantenere il più possibile il nostro allievo nella zona centrale che rappresenta l’apprendimento ottimale, correggendo la rotta attraverso i due Rinforzi. Dobbiamo essere cauti nell’uso dei rinforzi in quanto il loro uso scorretto può sbilanciare il comportamento del nostro allievo ed allontanarlo dalla nostra zona d’apprendimento.

“Mi passi il sale?” è uno stimolo che sbilancia l’equilibrio della persona cui ci rivolgiamo che ha come mezzo più semplice per recuperarlo il compiere il comportamento richiesto, passare il sale appunto. il nostro “grazie” funziona come rinforzo (avviene sul comportamento richiesto) e segnala che abbiamo ottenuto quello che volevamo. La persona che ci ha passato il sale capisce di conseguenza di aver eseguito quanto le stavamo chiedendo riguadagnando il proprio equilibrio. In questo caso la nostra richiesta (il nostro insegnamento) ha minimamente sbilanciato l’equilibrio (probabilmente la persona cui ci siamo rivolti non avrà nemmeno alzato la testa dal piatto) e tutto è filato liscio.
I miei genitori sono stati in vacanza in Polonia. Ovviamente non parlano polacco e altrettanto ovviamente hanno avuto qualche difficoltà con la lingua. Un semplice “Podaj mi sól, proszę?” costituisce una richiesta -uno stimolo- piuttosto sbilanciante: nel momento in cui non si capisce una richiesta impieghiamo tutte le nostre risorse per cercare di capire e questo sbilancia di molto il nostro equilibrio; se questa situazione durasse a lungo ci potrebbero essere delle conseguenze pesanti. Nel momento in cui non possiamo più fare affidamento sul linguaggio, ci ritroviamo nelle stesse condizioni in cui stiamo quando lavoriamo con gli animali.

Immaginatevi di essere in Polonia invitati a cena (no, non ce l’ho con il polacco nè, tantomeno con i polacchi. E’ solo un esempio.) Un commensale vi chiede: “Podaj mi sól, proszę?” Cercate di capire cosa vi viene chiesto e vi muovete un pochino, nervosi, sulla sedia. Il commensale si arrabbia sbatte i pugni e vi richiede -urlando-: “Podaj mi sól, proszę?”. Panico cosa vuole questo? perché s’arrabbia? provate ad alzarvi in piedi e quello s’arrabbia ancora di più, vi minaccia, urla etc etc. Provate a passargli l’acqua e quello da completamente di matto: vi afferra per le spalle, vi sbattacchia urlando il suo: ” “Podaj mi sól, proszę?”. In qualche modo capite che il comportamento dell’altro ha a che fare con qualcosa che c’è sulla tavola…ma siete stressati, frustrati e arrabbiati. Non ce la fate più: alla fine mandate a quel paese il commensale e ve ne andate sbattendo la porta e imprecando. Il commensale intanto si è rivolto agli altri ospiti dicendo: “osoba leniwa i nieinteligentny …” Cos’è successo? Semplicemente che lo stimolo che vi è arrivato vi ha sbilanciato troppo e voi avete deciso di chiudere lo scambio uscendo. Meglio se il vostro commensale anziché urlare avesse modellato il vostro comportamento con parole gentili segnalando e marcando affabilmente i vostri progressi verso quanto desiderava e tacendo sui vostri tentativi non a buon fine. Rilassati e tranquilli avreste capito cosa voleva e avreste imparato le prime parole nella nuova lingua.
Come avrete capito la prima situazione è una metafora di un insegnamento coercitivo, basato sulla punizione e il rinforzo negativo, il secondo è un insegnamento positivo basato sul rinforzo positivo. Dove siete stati meglio? Dove pensate vostro figlio, il vostro collega o il vostro cane stia meglio? Finché riusciamo a mantenere il nostro allievo all’interno della zona di comprensione gli avremmo assicurato la possibilità d’apprendere in un ambiente sicuro, facendo di noi dei grandi insegnanti.

RINGRAZIAMENTI.
Il concetto dell’insegnamento come uno scorrevole continuum e della zona di comprensione “understanding zone” sono regali di Les Kiger. Per apprezzare il pensiero di Les e godere dei suoi post, questo è il link al suo Blog: http://equuality.com/blog/
L’idea che siamo noi insegnanti a sbilanciare volutamente i nostri interlocutori è un altro, grande regalo, questa volta di Ted DesMaisons. Questo è il suo Blog dove conoscere il suo pensiero: http://tedwordsblog.com/